5 Dicembre: giornata mondiale del volontariato!

5 Dicembre: giornata mondiale del volontariato!

Oggi è la giornata mondiale del volontariato, una ricorrenza voluta nel 1985 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UN).

Il suo scopo? Valorizzare e riconoscere l’importanza del lavoro, del tempo e delle capacità dei volontari di tutto il mondo. Quella del volontariato è una forza che non deve essere sottovalutata. Infatti, si legge sul sito dell’Istat (scopri di più!) che 1 italiano su 8 sostiene attività di utilità sociale in modo più o meno organizzato. Le principali aree sono: l’assistenza sociale, la sanità, l’ambiente, la tutela dei diritti, la cultura e lo sport.

Il CAM e il volontariato

Il nostro Consorzio fa parte delle oltre 44mila ODV (Organizzazioni di Volontariato) presenti in Italia. Grazie ai nostri volontari abbiamo a disposizione competenze e impegno in ogni momento. In particolare svolgono un ruolo fondamentale il Presidente, i membri del Direttivo, i tre  Revisori dei Conti, e gli esperti tecnici che ci supportano nelle attività progettuali con competenze e passione.

 

❤️ GRAZIE A TUTTI per il vostro sostegno! ❤️

Questo Natale supporta un progetto del  CAM!

Questo Natale supporta un progetto del CAM!

Questo Natale supporta anche tu un progetto del CAM! 🎄🎀 Come regalo per una persona cara, o semplicemente per il piacere di farlo!
 
Quest’anno vorremmo supportare le attività in
AMBITO SOCIALE:
supporto a uno spettacolo di sensibilizzazione sui temi sanitari e di genere (25€)
acquisto di un kit completo per un assistente domiciliare: zaino, stivali, impermeabile, maglietta, quaderno, agenda (40€)
contributo per sostenere lo stipendio di un educatore (120€)
 
Per ogni donazione riceverai una cartolina di ringraziamento e una scheda del progetto da te scelto! 
 
Per maggiori informazioni visita il nostro sito, e non esitare a contattarci!
Il Mozambico in visita alla FEM

Il Mozambico in visita alla FEM

Martedì 13 Novembre 2018 il CAM ha preso parte ad una visita speciale. Infatti, insieme a Mlal, abbiamo accompagnato un gruppo di dirigenti mozambicani in una giornata incentrata sull’educazione e sul mondo agrario: il Mozambico ha incontrato la Fondazione Edmund Mach a San Michele!

La delegazione era composta dal Direttore Generale della Direzione Nazionale di Educazione Tecnica, dalla Direttrice Provinciale di Maputo del Ministero di Scienze e Tecnologia, Educazione superiore e Tecnico Professionale e dai Direttori di due Istituti Agrari. Il gruppo si trova in Italia per approfondire il tema dell’istruzione agraria e tecnica, nonchè per visitare personalmente gli esempi virtuosi presenti nel nord del paese. Per questo la visita alla Fondazione è stata una tappa immancabile del viaggio.

Dopo essere stati accolti da Ivano Artuso, responsabile del Dipartimento di Supporo alla Didattica e all’Orientamento (oltre che volontario nell’ultima missione del CAM! leggi di più), la giornata è iniziata. Innanzi tutto abbiamo visitato l’Istituto: l’Aula Magna, la biblioteca, le classi, i laboratori in cui gli studenti mettono in pratica gli insegnamenti e le zone dedicate all’esposizione dei ricordi appartenenti al passato della scuola. In seguito abbiamo incontrato Silvia Silvestri, Responsabile dell’Unità Risorse Ambientali Energetiche e Zootecniche, anche lei membro dell’ultima missione del CAM (leggi di più), che ci ha parlato del suo lavoro all’interno della Fondazione. Infine la delegazione si è spostana nella zona storica, dove ha avuto l’occasione di visitare le cantine dell’Istituto, da sempre specializzato nella viticultura.

Dopo un pranzo tutti insieme, la delegazione è venuta a trovarci alla sede del Consorzio, dove abbiamo presentato il nostro lavoro un Mozambico.

Tra disegni e parole: il Mozambico come ispirazione

Tra disegni e parole: il Mozambico come ispirazione

 

Tracciato sulla carta – L’eterna estate del Mozambico.

Questo è il nome che Sara Filippi Plotegher ha dato ad una speciale raccolta di disegni: ispirata da un viaggio in Mozambico, per il quale è stata supportata dal CAM, l’artista ha realizzato dei disegni che rappresentano la quotidianità del paese. Dai suoi tratti semplici ma espressivi emergono sensazioni e storie nascoste, che Sara ha voluto catturare e condividere con noi.

Per valorizzare l’esperienza di Sara e le sue creazioni, il CAM ha deciso di collaborare nell’organizzazione di una mostra: l’inaugurazione sarà martedì 13 Novembre alle ore 18.30, presso il Centro per la Cooperazione Internazionale – Vicolo S. Marco 1, Trento.

L’evento rientra nel programma del festival Tutti nello stesso piatto, organizzato da Mandacarù Onlus e Altromercato. Inoltre l’inaugurazione sarà accompagnata da una lettura in musica dei testi scritti dall’autrice, che saranno spunto per un confronto riguardo le realtà attuali del Mozambico.

L’esposizione sarà aperta fino al 23 Novembre dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17.

 

Ritornano le interconnessioni fotografiche!

Ritornano le interconnessioni fotografiche!

Interconnessioni, fotografia etica e territorialità. Ritorna la mostra del concorso Trova il Mondo in Trentino, un insieme di fotografie che cercano di rappresentare l’unione di queste tre componenti. Stimolare il pensiero critico, trasmettere emozioni e incoraggiare i cittadini ad aprirsi a nuove prospettive sul mondo. Questi sono solo alcuni degli intenti della mostra che, tramite le fotografie migliori del concorso, tenta di dare una nuova lettura alla parola “interconnessioni”: che siano ambientali, commerciali, culturali o sociali, sono parte del quotidiano, e si trovano nascoste nei luoghi più inaspettati. Vieni a scoprirle!

Durante la mostra potrai inoltre compilare una cartolina con la foto del vincitore del concorso, e inviarla a chi vuoi tu gratuitamente: contribuisci a diffondere lo spirito della fotografia etica!

Fino al 9 Novembre portai visitare la mostra presso il Centro per la Cooperazione Internazionale (Vicolo San Marco, 1 | Trento, mappa), dalle 9 alle 18.

 

Leggi anche:
  • Trova il Mondo in Trentino: ecco i vincitori! (link)
  • Trova il Mondo in Trentino: inizia la mostra (link)
  • Torna la mostra TiMiT: vieni a trovarci! (link)
FArete cooperazione?

FArete cooperazione?

Il CAM desidera invitare la cittadinanza all’incontro pubblico FArete COOPERAZIONE?, che si terrà  lunedì 8 ottobre dalle 18 alle 20 presso il Centro per la Cooperazione Internazionale di Trento.

L’iniziativa è proposta da FArete, un coordinamento di più di 50 organizzazioni trentine di cooperazione, volontariato e solidarietà internazionale, che nasce da un percorso inclusivo e partecipato, stimolato da un gruppo che sentiva il bisogno di unirsi per interrogarsi, analizzare e generare sinergie.

Negli ultimi mesi, molte organizzazioni si sono aggiunte e altre ancora stanno confluendo nella condivisione dell’obiettivo comune di contribuire attivamente alla costruzione di una visione strategica e di politiche che orientino il sistema trentino del volontariato e della cooperazione internazionale.

FArete vuole promuovere una logica collettiva, andando oltre i confini delle singole organizzazioni. Per fare questo – e soprattutto in vista delle elezioni provinciali del 21 ottobre –  il gruppo ha deciso di organizzare l’incontro FArete COOPERAZIONE?, al quale sono stati invitati i candiati di tutti gli schieramenti politici con lo scopo di partecipare ad un dialogo sulle loro aspettative e sui programmi in relazione al tema della cooperazione internazionale.

Tra le questioni che verranno condivise con i candidati, c’è anche il principale impegno politico richiesto, quello di mantenere lo 0,25 per cento del bilancio provinciale (Legge provinciale n.4 del 15 marzo 2005) a sostegno di azioni di cooperazione internazionale, attività di educazione alla cittadinanza globale sul territorio trentino e di rilancio di realtà come il Centro per la Cooperazione internazionale, eccellenza in Italia e in Europa nel campo della ricerca e della formazione delle quasi 300 organizzazioni trentine, volontariato e solidarietà internazionale del Trentino.

Se dal 2013 sono stati destinati in media 9,5 milioni di euro all’anno al settore, allora ogni cittadino trentino ha contribuito di persona con 17 euro all’anno alla cooperazione internazionale. Ovvero ha investito 17 euro in iniziative e progetti che hanno lo scopo di sradicare la povertà, tutelare i diritti umani, promuovere uno sviluppo sostenibile, prevenire i conflitti e sostenere i processi di riconciliazione. E non solo nei Paesi del cosiddetto Sud del mondo. Anche “a casa nostra” quello 0,25 per cento ha generato occupazione soprattutto per i giovani trentini e stimolato l’innovazione sociale e tecnologica nei diversi settori della società e promosso lo sviluppo culturale.

Per maggiori informazioni:
Email: faretetrentino@gmail.com
Facebook: FArete Trentino

Vedi anche: FaRete: la rete delle organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionale del Trentino