La nuova edizione della Carta di Trento: migrazioni e diritto alla pace

La nuova edizione della Carta di Trento: migrazioni e diritto alla pace

In occasione del seminario “Cooperazione internazionale e comunità. Sguardi e prospettive della cooperazione per lo sviluppo locale e l’empowerment” promosso da Fondazione Fontana onlus il 18 maggio a Trento, è stata presentata LA NUOVA EDIZIONE DELLA CARTA DI TRENTO un documento collettivo che propone linee guida e riflessioni per chi opera nella cooperazione internazionale, ma anche per gli amministratori e per l’opinione pubblica. L’edizione di quest’anno si arricchisce di due nuove sezioni dedicate a due temi di grande attualità: la questione migratoria e i conflitti nel mondo.

“La Carta di Trento per una migliore cooperazione internazionale” è un documento di riferimento nell’ambito della cooperazione allo sviluppo italiana. Da dieci anni offre spunti di riflessione sui benefici e sulle sfide della cooperazione internazionale, ambito sempre più strategico anche per il Trentino che si relazione con una comunità oramai globale e interconnessa.

Il documento è frutto di un percorso partecipato da attori della cooperazione internazionale istituzionali e non governativi, avviato nel 2008 a Trento all’interno delle iniziative della World Social Agenda, un progetto di Fondazione Fontana onlus. La “Carta di Trento” è scritta da chi opera in prima linea nella cooperazione internazionale ed è frutto dell’esperienza maturata sul campo. Accanto ai 10 punti generali per operare nella cooperazione internazionale in modo sempre più efficace, il documento sviluppa due nuove sezioni, una dedicata alla cooperazione internazionale per il diritto alla pace, l’altra alla cooperazione internazionale per le migrazioni e il diritto al futuro.

Operare in contesti di conflitto e guerre o nella gestione dei flussi migratori presuppone una piena consapevolezza del proprio agire e dei fenomeni al cui interno si interviene. La nuova edizione de La Carta di Trento offre quindi spunti di riflessione, suggerisce strategie di azione, evidenzia questioni aperte per chi fa cooperazione internazionale, ma si rivolge anche alla cittadinanza e agli amministratori affinché possano comprendere meglio il ruolo positivo della cooperazione internazionale e sostenere così azioni che vadano a beneficio nel lungo periodo di tutta la comunità globale, Trentino compreso.

Queste alcune delle questioni affrontate dal documento: superare lo scontro di civiltà per costruire l’incontro tra le diversità creando spazi, tavoli e iniziative di dialogo; andare oltre le emergenze per costruire percorsi partecipati di lungo periodo. Contribuire all’effettiva attuazione della Dichiarazione al diritto alla Pace approvata nel 2016 e chiedere un rafforzamento della legislazione italiana ed europea per impedire la vendita di armi a regimi autoritari o in zone di violazione dei diritti umani. E ancora, tutelare i diritti delle persone che decidono di emigrare per assicurare percorsi positivi d’integrazione e al contempo partecipare a progetti di contrasto alla migrazione irregolare e di lotta al traffico delle persone migranti. Superare una visione emergenziale e di paura sul fenomeno migratorio per far emergere al pari la dimensione positiva, di successo e di beneficio anche per le comunità accoglienti. Al contempo sostenere azioni affinché le frontiere siano regolate in modo efficace e promuovere sistemi di accoglienza diffusa con i diversi attori territoriali.

I promotori de La Carta di Trento sono: Fondazione Fontana, Focsiv, Accri, Ipsia del Trentino, Osservatorio Balcani e Caucaso, Unimondo.org, GTV Trentino, Consorzio Associazioni con il Mozambico, Docenti Senza Frontiere, Tremembè, Saint Martin CSA, Centro per Cooperazione Internazionale, Trentino con i Balcani.

La World Social Agenda (WSA) è un’iniziativa promossa da Fondazione Fontana onlus con il contributo di Provincia autonoma di Trento e Comune di Trento. E‘ presente in Trentino e nel Veneto dove propone attività educative e culturali di sensibilizzazione con formazione nelle scuole, seminari e eventi. Prendendo spunto dall’Agenda 2030 dell’ONU e dalle cinque aree d’intervento Partnership, Planet, People, Prosperity, Peace (le cinque “P”) dello sviluppo sostenibile a livello globale, da quest’anno la WSA ha avviato una riflessione sul tema del partenariato e in particolare sulla partecipazione e il ruolo delle comunità. www.worldsocialagenda.org

Fondazione Fontana Onlus, www.fondazionefontana.org, con sede a Trento e a Padova, opera dal 1998 per realizzare progetti di pace, cooperazione internazionale ed educazione alla mondialità. Con diverse attività promuove la cultura della solidarietà, sia a livello nazionale che internazionale, con un approccio dal basso che parta dalla comunità. I principali campi di attività sono la cooperazione internazionale, l’educazione con il progetto World Social Agenda e l’informazione tramite la gestione del sito Unimondo.org.

SCARICA QUI LA NUOVA CARTA IN PDF

Cooperazione internazionale e comunità

Cooperazione internazionale e comunità

Fondazione Fontana onlus organizza venerdì 18 maggio 2018, presso il Centro per la cooperazione internazionale, il nuovo seminario della Carta di Trento per riflettere sulle pratiche della cooperazione internazionale per la partecipazione delle comunità e lo sviluppo locale.

Il tema dell’edizione 2018 del seminario è particolarmente vicino all’operato del CAM ed alla sua lunga esperienza di cooperazione di comunità, esperienza che sarà anche testimoniata attraverso l’intervento di Jenny Capuano, coordinatrice del CAM a Caia in Mozambico dal 2003 al 2016.

SCARICA IL VOLANTINO con il programma completo QUI
ISCRIVITI QUI     

 


La Carta di Trento per una migliore cooperazione internazionale è il risultato di un percorso che attori della cooperazione, locali e nazionali, istituzionali e non governativi, hanno avviato nel 2008 a Trento, è il tentativo di promuovere il dibattito sui nuovi orientamenti della cooperazione in Italia di cui il seminario del 18 maggio rappresenta una tappa fondamentale. Il seminario e la Carta di Trento sono attività della World Social Agenda

La World Social Agenda (WSA) è un progetto della Fondazione Fontana onlus ed è presente in Trentino e nel Veneto dove propone attività educative e culturali di sensibilizzazione con mostre, seminari, eventi, formazione nelle scuole.

Trova il Mondo in Trentino – il concorso fotografico

Trova il Mondo in Trentino – il concorso fotografico

C’è tempo fino all’8 giugno per partecipare con il proprio scatto al concorso fotografico “Trova il Mondo in Trentino”, un concorso single shot dove in palio c’è un buono viaggio dal valore di 1.000 Euro per il Vietnam, il Mozambico o il Kosovo e 3 buoni per attrezzatura fotografica dal valore di 500 Euro, 350 Euro e 250 Euro.

Il tema del concorso è l’essere interconnessi, tra persone, tra territori.

Siamo alla ricerca di Interconnessioni ambientali, dal cambiamento climatico, alla presenza significativa del turismo di massa, dall’inquinamento di una mobilità complessa ai sistemi di produzione su larga scala; Interconnessioni commerciali, dato che il commercio è elemento di scambio e relazione, dipende dal sistema di trasporto e distribuzione e rappresenta un luogo di conoscenza e ricchezza; Interconnessioni culturali: i mille volti delle culture che si miscelano e si incontrano, che cambiano nel tempo per le relazioni tra le persone, gli scambi e le nuove conoscenze; Interconnessioni sociali, uomini e donne che si spostano da un territorio all’altro facendo emergere mille domande rispetto al viaggio, o ai viaggi, rispetto alla vita prima della partenza ed ovviamente anche all’arrivo, magari temporaneo, nei nostri territori. Questi sono solo alcuni dei mille esempi di interconnessioni, siamo alla ricerca della vostra interpretazione fotografica delle interconnessioni, della vostra visione del mondo interconnesso.

Per maggiori informazioni su cosa intendiamo con ‘interconnessioni’ e per stimoli e ispirazioni, a questo link trovate i brevi video dei nostri 3 esperti che in 10 minuti ognuno offrono la loro visione sui temi.

Ma perché abbiamo lanciato questo concorso? Vogliamo stimolare il pensiero critico e lo spirito di osservazione, la capacità di scalfire la superficie delle situazioni e sviluppare empatia e senso di appartenenza ad un’unica comunità umana.

Oltre ai premi descritti, tra tutte le foto pervenute, verranno selezionati 10 scatti che saranno premiati con una stampa e l’esposizione ad una mostra in Trentino che sarà tenuta nel mese di luglio 2018.

Nel dettaglio, il concorso si articola in 2 sezioni:

1 – Trova il mondo in Trentino che prevede di porre l’accento sulle interconnessioni tra il territorio trentino ed il resto del mondo. Le foto presentate in questa sezione dovranno essere scattate nella provincia di Trento.

2 – Trova il mondo a casa tua che prevede di porre l’accento sulle interconnessioni tra un qualsiasi territorio/comunità italiana ed il resto del mondo. Le foto presentate in questa sezione dovranno essere scattate in Italia, al di fuori della provincia di Trento.

Per i dettagli, scarica il Regolamento, in ogni caso ricordati: c’è tempo fino all’8 giugno per inviare uno scatto con la didascalia a fotografia@gtvonline.org.

Scarica qui il modulo di partecipazione.

Aperte le candidature al Servizio Civile Provinciale con noi a Trento

Aperte le candidature al Servizio Civile Provinciale con noi a Trento

Il Mozambico in Trentino: un’esperienza da vivere e comunicare.
A partire da oggi e fino al 30 aprile è possibile inviare la propria candidatura per una esperienza di Servizio Civile con il CAM a Trento, che prevede un impegno di un anno, a partire dal 1 giugno. Si tratta di una proposta diretta ai giovani che non hanno ancora compiuto i 29 anni, promossa grazie al progetto Servizio Civile Universale Provinciale (SCUP) della Provincia Autonoma di Trento.

In un anno con il CAM si potrà: ricevere una formazione sul CAM e sulle attività che realizza in Mozambico e in Trentino, “imparare facendo”, accompagnando soprattutto le attività dei progetti nei settori microcredito ed energie rinnovabili, partecipare ai progetti di sensibilizzazione della cittadinanza trentina, collaborare nell’organizzazione di eventi sul territorio, e molto altro!

Il progetto del CAM può essere scaricato a questo link (versione sintetica) o qui (versione completa). Per aderire e partecipare ad un progetto Scup è obbligatorio aver attivato la CPS (Carta Provinciale dei Servizi) o avere un’account Sistema Pubblico di Identità Digitale SPID (scopri qui come attivarli).

Per maggiori informazioni sul progetto potete contattarci direttamente, se invece volete saperne di più sul funzionamento del SCUP e su come candidarsi online, fate riferimento all’Ufficio Servizio civile – Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili della Provincia.

Il Servizio Civile è un’opportunità per…
…avvicinarsi al mondo del lavoro
…diventare cittadino attivo
…sperimentarsi dentro un progetto e con una associazione
…apprendere da professionisti del settore
…acquisire un’ampia formazione
…garantirsi una minima autonomia economica

Qui tutti di dettagli sul funzionamento del Servizio Civile Unico Provinciale.

Per informazioni contattateci cam @ trentinomozambico.org!

Servizio Civile Provinciale: un anno con il CAM a Trento

Servizio Civile Provinciale: un anno con il CAM a Trento

Per tutti i giovani che non hanno ancora compiuto i 29 anni una bella opportunità di impegno e formazione: un anno di Servizio Civile nell’ufficio CAM Trento!


Il Servizio Civile, un’opportunità per…
…avvicinarsi al mondo del lavoro
…diventare cittadino attivo
…sperimentarsi dentro un progetto e con una associazione
…apprendere da professionisti del settore
…acquisire un’ampia formazione
…garantirsi una minima autonomia economica

In un anno con il CAM si potrà: ricevere una formazione sul CAM e sulle attività che realizza in Mozambico e in Trentino, “imparare facendo”, accompagnando soprattutto le attività dei progetti nei settori microcredito ed energie rinnovabili, partecipare ai progetti di sensibilizzazione della cittadinanza trentina, collaborare nell’organizzazione di eventi sul territorio, e molto altro!

Il progetto, secondo il calendario delle scadenze del Servizio Civile Unico Provinciale, sarà pubblicato online il 10 aprile e dopo il periodo di candidature, selezioni, formazione delle graduatorie partirà il 1 giugno per un impegno di un anno.
Qui tutti di dettagli sul funzionamento del Servizio Civile Unico Provinciale.

 
Per informazioni contattateci cam @ trentinomozambico.org!