Cooperazione internazionale e comunità

Cooperazione internazionale e comunità

Fondazione Fontana onlus organizza venerdì 18 maggio 2018, presso il Centro per la cooperazione internazionale, il nuovo seminario della Carta di Trento per riflettere sulle pratiche della cooperazione internazionale per la partecipazione delle comunità e lo sviluppo locale.

Il tema dell’edizione 2018 del seminario è particolarmente vicino all’operato del CAM ed alla sua lunga esperienza di cooperazione di comunità, esperienza che sarà anche testimoniata attraverso l’intervento di Jenny Capuano, coordinatrice del CAM a Caia in Mozambico dal 2003 al 2016.

SCARICA IL VOLANTINO con il programma completo QUI
ISCRIVITI QUI     

 


La Carta di Trento per una migliore cooperazione internazionale è il risultato di un percorso che attori della cooperazione, locali e nazionali, istituzionali e non governativi, hanno avviato nel 2008 a Trento, è il tentativo di promuovere il dibattito sui nuovi orientamenti della cooperazione in Italia di cui il seminario del 18 maggio rappresenta una tappa fondamentale. Il seminario e la Carta di Trento sono attività della World Social Agenda

La World Social Agenda (WSA) è un progetto della Fondazione Fontana onlus ed è presente in Trentino e nel Veneto dove propone attività educative e culturali di sensibilizzazione con mostre, seminari, eventi, formazione nelle scuole.

Aperte le candidature al Servizio Civile Provinciale con noi a Trento

Aperte le candidature al Servizio Civile Provinciale con noi a Trento

Il Mozambico in Trentino: un’esperienza da vivere e comunicare.
A partire da oggi e fino al 30 aprile è possibile inviare la propria candidatura per una esperienza di Servizio Civile con il CAM a Trento, che prevede un impegno di un anno, a partire dal 1 giugno. Si tratta di una proposta diretta ai giovani che non hanno ancora compiuto i 29 anni, promossa grazie al progetto Servizio Civile Universale Provinciale (SCUP) della Provincia Autonoma di Trento.

In un anno con il CAM si potrà: ricevere una formazione sul CAM e sulle attività che realizza in Mozambico e in Trentino, “imparare facendo”, accompagnando soprattutto le attività dei progetti nei settori microcredito ed energie rinnovabili, partecipare ai progetti di sensibilizzazione della cittadinanza trentina, collaborare nell’organizzazione di eventi sul territorio, e molto altro!

Il progetto del CAM può essere scaricato a questo link (versione sintetica) o qui (versione completa). Per aderire e partecipare ad un progetto Scup è obbligatorio aver attivato la CPS (Carta Provinciale dei Servizi) o avere un’account Sistema Pubblico di Identità Digitale SPID (scopri qui come attivarli).

Per maggiori informazioni sul progetto potete contattarci direttamente, se invece volete saperne di più sul funzionamento del SCUP e su come candidarsi online, fate riferimento all’Ufficio Servizio civile – Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili della Provincia.

Il Servizio Civile è un’opportunità per…
…avvicinarsi al mondo del lavoro
…diventare cittadino attivo
…sperimentarsi dentro un progetto e con una associazione
…apprendere da professionisti del settore
…acquisire un’ampia formazione
…garantirsi una minima autonomia economica

Qui tutti di dettagli sul funzionamento del Servizio Civile Unico Provinciale.

Per informazioni contattateci cam @ trentinomozambico.org!

Wind of change

Wind of change

00087Mulheres_SD1.jpg
Credo che i cambiamenti più grandi siano quelli silenziosi, che non fanno troppo rumore. Avvengono a piccoli passi, lentamente, insinuandosi nella mentalità e nelle abitudini delle persone, con discrezione.
Come quando da piccoli volevamo fare gli astronauti, e poi crescendo, abbiamo capito che non si poteva fare. Con il tempo abbiamo fatto spazio a nuove idee, nuovi valori, siamo diventanti più realistici e forse più disillusi.
E siamo cambiati.
Rivoluzioni invisibili, ma non per questo meno importanti.
Una piccola rivoluzione é passata anche nello sperduto villaggio di Caia, meta di camionisti e viaggiatori di passaggio tra le due rive del fiume Zambesi. La nostra piccola rivoluzione é stata una folata di vento femminista che, insieme alle piogge, ha portato un po’ d’aria fresca nella piccola città.
Comincia tutto l’otto marzo. Anche qui si celebra la Giornata della Donna con grande festa. Invece di mimose qui si scambiano coloratissime capulane, ma il senso rimane quello.
Per un giorno infatti le donne sono al centro dell’attenzione, ricevendo regali e cortesie.
Un giorno dell’anno. Poi per tutto il resto dei mesi tornano a casa ad accudire i figli o a lavorare nella machamba.
Tagliamo subito la testa al toro: non é facile essere una donna, a Caia. Soprattutto in una cultura fortemente agricola e patriarcale che rappresenta il pensiero dominante in queste terre.
00200Mulheres_SD1.jpg
A quanto pare, qui l’uomo é l’indiscusso capo della famiglia. E la donna ha il solo ruolo di occuparsi di marito e figli e lavorare la terra. Spesso senza discutere, né avere parola in merito.
Non esistono alternative. Fin da quando se ne ha memoria, qui si é sempre fatto così, e a nessuno verrebbe mai in mente di cambiare questo (dis)equilibrio delle parti.
Una brezza diversa é soffiata settimana scorsa, quando é stata organizzata una settimana di incontri e formazioni sul genere, per cercare di cambiare, poco a poco, questa narrativa dominante. Il Consorcio é stato uno dei principali promotori di questa iniziativa rivolta a donne attiviste e ai rappresentanti delle istituzioni locali. E per alcuni giorni non si é parlato altro che di genere, uomini, donne, società, tradizioni, globalizzazione e femminismo.
00124Mulheres_SD2.jpg
I fiori credo li vedremo tra molto tempo ma é stato bello assistere intanto alla prima semina di questi dibattiti.
Rivoluzioni silenziose, si diceva.
La formazione si é aperta con l’arrivo di Carlota Inhamussua, una attivista di Beira e convinta femminista, assieme alla sua assistente. É cominciata con una presentazione delle attività con donne e rappresentanti di associazioni del distretto.
00186Mulheres_SD2.jpg
Donne, ragazze, mamme, tutte entusiaste di partecipare ad una formazione che le riguardasse in prima persona e che le potesse dare gli strumenti necessari per capire che che uomini e donne hanno stessi diritti e doveri, e dovrebbero avere anche le stesse opportunità.
È stato un incontro all’insegna della solidarietà femminile. Tra di loro hanno condiviso sogni, speranze, paure e ostacoli. E hanno dialogato per capire insieme dove finiscono le tradizioni locali e inizia l’ingiustizia sociale.
00050Mulheres_SD2.jpg
00063Mulheres_SD2.jpg
Perchè dev’essere sempre e solo l’uomo il “capo” della famiglia? Perchè sono io che devo preparare i pasti, accudire i figli, occuparmi della casa e dei campi?
Un passo non indifferente. L’arrivo di Carlota ha portato temi molto provocatori in questa società così conservatrice, ma necessari a stimolare il dialogo.
Un dialogo lungo, che continuerà per altri sei incontri durante l’anno, e che si tradurranno in piccole azioni pilota all’interno dei villaggi, per introdurre il tema dei pari diritti tra le capanne.

 
I giorni seguenti la formazione é continuata con i rappresentanti delle istituzioni locali.
38_Mulheres_03
Questa volta il gruppo era misto, uomini e donne. Perché, in fondo, la questione del genere non é un tema che riguarda solo le donne, ma anche (o soprattutto) gli uomini. È stato interessante vedere scaturire un sano dibattito e confronto tra le parti, che nasce con la linea divisoria tracciata da Carlota su un foglio, tra le differenze biologiche e sociali di uomo e donna.
38_Mulheres_01.jpg
Da lì é partita una vivisezione dettagliata di tutte le differenze -vere o presunte- che sembrano ostacolare un rapporto onesto e uguale. Alla fine siamo giunti ad un consenso unanime nell’individuare come non esistano differenze biologiche naturali che possano giustificare tutta l’elaborata architettura sociale che abbiamo costruito e che vincola fortemente i rapporti uomo-donna. Possiamo chiamarla genericamente “società”, oppure “religione” o “tradizioni”. Sta di fatto che tante artificiosità umane, che non hanno motivi reali, possono essere ancora messe in discussione e ripensate. Operazione non semplice, come dimostra la ritrosia di un partecipante che ad un certo punto si domanda: “D’accordo con la teoria. Ma i nostri nonni, i nostri avi hanno agito sempre nella stessa maniera, e questo é quello che ha tenuto le nostre famiglie solide e unite negli anni”. Insomma, non un passo facile quello di coloro che si confrontano con la realtà intorno a loro, decisamente in controtendenza rispetto alle idee progressiste che quel giorno circolavano nell’aria.
00193Mulheres_SD2
In generale, un passo che mi ricorda anche l’eterno dilemma dell’uomo occidentale, quando si confronta con una tradizione e una cultura non sua, e la sua smania di poter cambiare le cose. Cosa salvare? E cosa si può cambiare, senza stravolgere la cultura nella quale mi trovo, in un’ottica di pari diritti per tutti?
Sono convinto che le tradizioni debbano essere rispettate e preservate. Ma certo, non é detto che non possano essere cambiate, o migliorate, soprattutto se perpetrano diseguaglianze e discriminazioni.
Lentamente e silenziosamente, come tutte le grandi rivoluzioni.
00200Mulheres_SD2.jpg
Forse noi possiamo solo fornire l’esempio di decenni di lotte e conquiste sociali che oggi, per certi versi, hanno ancora il sapore di una vittoria di Pirro, dove tante battaglie sono purtroppo ancora necessarie. Forse dall’altra parte dell’Equatore si può ancora imparare dai nostri errori, e avere una chance di non doverli ripetere, come un leap-frog tecnologico, o, per meglio dire, culturale.
Di sicuro la Storia ci insegna come il processo sia lungo e complicato… ma questa sarà la loro Storia. E questi giorni ne abbiamo scritto appena il primo capitolo.
00188Mulheres_SD2.jpg
Dopodichè Carlota assegna a tutti i compiti per casa: INFORMARE, EDUCARE, MOTIVARE. Affida a noi, ai presenti, il compito di fare tesoro dei dibattiti e delle discussioni di quelle giornate e di diffonderle e applicarle nella propria vita, nella comunità e nel proprio lavoro.
Alla fine scrosciano i sorrisi e gli applausi. Tutti sembrano aver apprezzato la formazione. Ce ne vorrebbero di più, e piú spesso. Qualcuno propone un incontro al mese, magari.
“Perché no? ” sorride Carlota.
Un gruppo di donne già continuerà questa formazione lungo tutto l’arco del 2018. Ma anche i coordinatori e i mobilizzatorid i Caia sono stati chiamati a continuare il lavoro di “appropriazione degli aspetti di genere” nel corso dei prossimi mesi.
Vediamo cosa fermenterà in questa piccola città.
Di certo, ne sentiremo ancora parlare.

Servizio Civile Provinciale: un anno con il CAM a Trento

Servizio Civile Provinciale: un anno con il CAM a Trento

Per tutti i giovani che non hanno ancora compiuto i 29 anni una bella opportunità di impegno e formazione: un anno di Servizio Civile nell’ufficio CAM Trento!


Il Servizio Civile, un’opportunità per…
…avvicinarsi al mondo del lavoro
…diventare cittadino attivo
…sperimentarsi dentro un progetto e con una associazione
…apprendere da professionisti del settore
…acquisire un’ampia formazione
…garantirsi una minima autonomia economica

In un anno con il CAM si potrà: ricevere una formazione sul CAM e sulle attività che realizza in Mozambico e in Trentino, “imparare facendo”, accompagnando soprattutto le attività dei progetti nei settori microcredito ed energie rinnovabili, partecipare ai progetti di sensibilizzazione della cittadinanza trentina, collaborare nell’organizzazione di eventi sul territorio, e molto altro!

Il progetto, secondo il calendario delle scadenze del Servizio Civile Unico Provinciale, sarà pubblicato online il 10 aprile e dopo il periodo di candidature, selezioni, formazione delle graduatorie partirà il 1 giugno per un impegno di un anno.
Qui tutti di dettagli sul funzionamento del Servizio Civile Unico Provinciale.

 
Per informazioni contattateci cam @ trentinomozambico.org!

Ospiti speciali dal Mozambico

Ospiti speciali dal Mozambico

Dal 25 novembre al 6 dicembre saranno in Trentino Julai Jone, responsabile del coordinamento CAM a Caia, Elias Lanquene, responsabile del settore socio sanitario e Martinho Celestino, responsabile del settore socio-educativo.

La visita ha lo scopo di offrire un momento di conoscenza del Trentino e dei soggetti che sostengono le attività in Mozambico, approfondire il legame con il CAM e condividere gli indirizzi strategici con l’equipe e il direttivo, visitare varie realtà trentine che possono offrire stimoli formativi e partecipare ad alcuni eventi pubblici che il CAM ha in programma.

Stiamo stendendo il programma dettagliato della visita nel frattempo vorremmo segnalarvi i due momenti più importanti:

  • Sabato 2 dicembre alle 18 presso il Centro per la Cooperazione Internazionale  l’incontro pubblico “Mozambico: presente e futuro”, con la partecipazione del giornalista mozambicano Fernando Lima, di Mario Raffaelli presidente del CCI e di Roberto Colaminé del Ministero degli Esteri, cui seguirà una festa con musica e buffet mozambicani
  • Mercoledì 6 dicembre alle 18 presso Consorzio Lavoro Ambiente, l’incontro annuale del Tavolo Trentino con il Mozambico, dedicato all’aggiornamento sui progetti attuali del CAM e sulle prospettive future, con un momento particolare dedicato alle attività a Caia seguite da Julai, Elias e Martinho.

Per informazioni sul programma di ospitalità in Trentino o per dare la propria disponibilità ad accompagnare i nostri ospiti contattateci direttamente!

Bandiera Mozambico