Emergenze ambientali e sviluppo urbano – la città di Sena in Mozambico

Emergenze ambientali e sviluppo urbano – la città di Sena in Mozambico

Lunedì 26 febbraio alle 17.30 presso il Centro per la Cooperazione Internazionale verrà presentato il lavoro sulla pianificazione territoriale della città rurale di Sena, nel distretto di Caia, realizzato dagli studenti del corso in Progettazione Integrata dell’Ambiente e degli Insediamenti, corso che il Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica (UniTN) ha realizzato insieme al CAM.

CAM seleziona un giovane ingegnere/architetto per tirocinio professionale in area pianificazione del territorio

CAM sta selezionando un ingegnere o architetto laureato dopo luglio del 2016 per svolgere il tirocinio professionale nel settore della pianificazione territoriale. Previa formazione iniziale a Trento, il tirocinio si svolgerà presso la sede del CAM nel distretto di Caia (Sofala, Mozambico).

Il tirocinio, della durata di 6 mesi (indicativamente da luglio 2017 a dicembre 2017), consisterà nell’accompagnamento dell’ufficio tecnico locale (SDPI) nella redazione degli strumenti di pianificazione urbana dei centri maggiori del distretto di Caia in particolare l’aggiornamento dei piani delle cittadine di Caia e Sena e la realizzazione di quelli di tre centri periferici, interfacciandosi con il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica dell’Università degli Studi di Trento che sta lavorando all’aggiornamento della cartografia.

Per informazioni contattare cam@trentinomozambico.org

La storia di Aide – da tecnico a direttore

La storia di Aide – da tecnico a direttore

foto (2)Come tante delle storie che abbiamo raccontato nel blog www.60storie.it, anche quella di Aide è una storia che parla di Caia, di impegno per la comunità, di crescita.

Natalicio Felicio Matias Aide e è il giovane tecnico diplomato in idraulica che nel 2009 è stato selezionato e formato con il supporto del CAM all’interno di un percorso di appoggio alle istituzioni, nello specifico al Servizio Distrettuale di Pianificazione e Infrastrutture che in quel periodo è stato supportato nella creazione, proprio attraverso il tecnico Aide, di un Dipartimento Agua e Saneamento. Oltre che farsi carico di molti aspetti formativi e di supporto tecnico, il CAM ha garantito lo stipendio di Aide, secondo un meccanismo di “preassunzione” fino cioè all’inquadramento della persona nell’organico dell’amministrazione pubblica, processo che è sempre avvenuto, pur spesso con ritardi e difficoltà, per le molte persone selezionate e formate anche in altri settori (ad esempio per alcuni tecnici agricoli).

A questo percorso hanno partecipato anche, in varie forme nel corso degli anni, i gruppi di lavoro trentini e in particolare alcuni docenti e studenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Trento nonché l’associazione Ingegneria Senza Frontiere. Il loro supporto tecnico, ma anche progettuale, è stato determinante per le attività del CAM nel settore agua e saneamento (che si occupa di fonti idriche e di sistemi di igiene pubblica, latrine, fognature eccetera).

Aide2Nel 2015 Aide, dopo alcuni anni di servizio a Caia che hanno visto molta collaborazione con il CAM e con i progetti che sono stati messi in campo, anche a livello comunitario (ad esempio il programma Madzi Athu che ha creato una associazione di coordinamento per i comitati di gestione dei pozzi, o il PPS – progetto di promozione della salute comunitaria), è stato nominato Direttore Distrettuale del Servizio di Pianificazione ed Infrastrutture a Inhaminga, nel distretto di Cheringoma, territorio nella Provincia di Sofala localizzato a sud di Caia. [Nell’immagine sopra, la cerimonia di incarico a Inhaminga, qui accanto il giovane tecnico durante la visita ad un pozzo a marzo 2010]

Gli facciamo i nostri migliori auguri per il suo incarico ringraziandolo per tutta la collaborazione di questi anni!

Plano de Uso da Terra: una tesi di laurea che è anche progetto attuativo

Pubblichiamo l’abstract della tesi di laurea di Isacco Rama – DICAM-Università degli Studi di Trento, già collaboratore del gruppo di lavoro CAM per la stesura del Plano Distrital de Uso da Terra di Caia. Nel suo lavoro Isacco ha approfondito una proposta di progetto attuativo del Plano, offrendo al distretto uno strumento per migliorare il sistema di fornitura dei servizi lungo un’asse di primaria importanza.Isacco Rama tesi Caia progetto r

In un contesto caratterizzato dalla arretratezza tecnologica nella pratica agricola, dall’isolamento mediatico e da un endemico stato di povertà della popolazione, diviene di fondamentale importanza l’utilizzo razionale delle risorse pubbliche al fine di indirizzarle puntualmente in strategie di sviluppo.

Nel distretto di Caia (Sofala, Mozambico) il 52% della popolazione ha meno di 14 anni e l’85% delle famiglie, che in maggioranza vive in ambiente rurale, pratica l’agricoltura di sussistenza, in un territorio in cui il suolo urbano e le infrastrutture occupano appena lo 0,9% del suolo mentre più del 90% è costituito da savana, foresta e zone umide.

Con questo lavoro di tesi, si è voluto fornire all’Amministrazione pubblica uno strumento che, prendendo le mosse dalle indicazioni progettuali contenute nel Plano Distrital de Uso da Terra di Caia, possa migliorare il sistema di fornitura dei servizi lungo un’asse di primaria importanza per il distretto, come quello di Gamba–Deve–Licoma, che si estende nella sua parte centrale per 45 km di lunghezza.

A questo scopo, è stato necessario indagare gli aspetti ambientali, socio-economici, infrastrutturali dell’area, per la quale erano a disposizione dati estremamente limitati, tali da non permettere una lettura circostanziata del territorio.

Si è scelto di approfondire i punti di vista della popolazione e degli altri portatori di interesse attraverso un lavoro sul campo fatto di soggiorni prolungati presso le comunità locali, interviste, raccolta dati, rilievo delle emergenze del territorio, e che ha visto l’intensa collaborazione dei tecnici del Serviço Distrital de Planificaçao e Infra-Estruturas di Caia, guidati dal Direttore Pinto Martins.

Dall’analisi dei dati raccolti sono state individuate le aree popolate più critiche, in cui infrastrutture e servizi sono carenti o inadeguati, e quelle che sono invece sufficientemente servite. E’ inoltre emersa l’importanza che riveste il recupero dell’asse stradale, denominato Estrada Distrital n°1, per la mobilità e per lo sviluppo generale dell’area.Isacco Rama - Chatala

In risposta all’analisi critica dell’area e nella consapevolezza che un’adeguata rete di servizi sia un elemento imprescindibile per lo sviluppo generale del territorio, si è formulata una proposta progettuale incentrata sulla riorganizzazione della rete di servizi. Elementi fondamentali di questa proposta sono il miglioramento delle strutture esistenti e il potenziamento di alcune di queste, la formalizzazione del sistema dei mercati locali, l’introduzione di magazzini di stoccaggio del prodotto agricolo, la manutenzione e l’ampliamento della rete dei pozzi protetti, l’elettrificazione dell’area e, di estrema importanza, la rifunzionalizzazione dell’asse stradale. In particolare, si è proceduto al rilievo puntuale degli aspetti di criticità che interessano la strada, sistematizzando i quali si è giunti alla formulazione di quattro soluzioni progettuali specifiche. Si è anche proposto un intervento di ripristino dello strato resistente. Infine, per il progetto stradale, sono stati considerati aspetti di manutenzione ed economici che hanno dimostrato l’efficienza e sostenibilità della scelta operata.

Si prevede che l’implementazione del complesso delle indicazioni progettuali avrà ricadute positive sulla qualità della vita delle famiglie attivando nuove forme di reddito, favorendo il commercio e la produttività agricola. Aumenterà l’accesso alla risorsa idrica ed ai beni presenti sui mercati locali, saranno abbattuti i tempi di accesso ai servizi sanitari e scolastici e garantita una migliore qualità dell’offerta.

Allo stesso tempo, grazie alla riqualificazione della strada, sarà garantita la connettività dell’area anche a livello regionale, favorendo, da un lato, il passaggio di persone e prodotti verso i distretti limitrofi, dall’altro facilitando l’ingresso di investimenti considerati l’altro aspetto fondamentale per uno sviluppo saldo e durevole del territorio.

Isacco Rama – abstract della tesi di laurea intitolata
“Sviluppo Rurale e Assetto del Territorio in Contesti in Via di Sviluppo:
un Piano Attuativo del Plano de Uso da Terra in un Distretto rurale del Mozambico” 

Università degli Studi di Trento – Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica

Relatori: prof Paolo Bertola e prof Corrado Diamantini

Discussa a Trento il 28 marzo 2014

Isacco Rama - tesi Caia - mudzi MPasse

Venerdì 12 aprile: Il governo del territorio nello sviluppo locale in Mozambico

PDUT EVENTOVenerdì 12 aprile, con la partecipazione dal Mozambico del Direttore del Servizio Distrettuale di Pianificazione ed Infrastrutture Pinto Josè Martins, verrà illustrato al pubblico il lavoro di realizzazione del  Piano Distrettuale di Uso della Terra di Caia.

L’iniziativa

La serata, che si terrà alle 18.30 presso la Sala Falconetto del Comune di Trento (Via Belenzani 20) è organizzata dal CAM assieme al Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica (DICAM) dell’Università di Trento, con il patrocinio del Servizio Solidarietà della Provincia Autonoma di Trento e del Comune di Trento.

Interverranno: Paolo Rosatti – presidente del Consorzio Associazioni con il Mozambico onlus
Pinto José Martins – direttore del Servizio Distrettuale di Pianificazione ed Infrastrutture di Caia
Corrado Diamantini – professore di Tecnica e Pianificazione Urbanistica del DICAM e coordinatore scientifico del PDUT
Isacco Rama
– laureando in Ingegneria Edile – Architettura presso l’Università di Trento e membro del gruppo di lavoro del PDUT

Modererà: Pier Giorgio Mattei – responsabile del Servizio Urbanistica e Tutela del paesaggio della PAT

Saluto di apertura: Lia Giovanazzi Beltrami – Assessore alla Solidarietà Internazionale e alla Convivenza della Provincia Autonoma di Trento
Lucia Maestri – Assessore alla Cultura, Turismo e Politiche giovanili del Comune di Trento

Hanno aderito inoltre: Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento, Fondazione Luigi Negrelli, Campomarzio, Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale e l’Ordine degli Architetti, Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trento.

0_00 capa

Il Plano de Uso da Terra

Il 27 dicembre 2012 il Governo del Distretto di Caia ha approvato ufficialmente il Piano Distrettuale di Uso della Terra, frutto di un lavoro di tre anni prodotto dalla collaborazione tra Servizio Distrettuale di Pianificazione e Infrastrutture, Servizio Distrettuale di Attività Economiche, Direzione Provinciale di Agricoltura, Servizio Provinciale di Geografia e Catasto, DICAM-Università degli Studi di Trento e dal Consorzio Associazioni con il Mozambico.

Il PDUT – Plano Distrital de Uso da Terra – “stabilisce la struttura di organizzazione spaziale del territorio di uno o più distretti; identifica aree per i diversi utilizzi e definisce norme e regole da osservare nell’occupazione e nell’uso del suolo e delle sue risorse naturali“. Il Plano approvato è a tutti gli effetti legge dello stato ed ha validità per 10 anni. Obiettivo generale è la progettazione condivisa di una struttura spaziale che sia in grado da un lato di migliorare le condizioni di vita della popolazione del distretto, dall’altro di stimolare uno sviluppo socio-economico attraverso un miglior uso delle risorse naturali.

Il PDUT è quindi un mezzo importantissimo per regolare la gestione della terra, particolarmente necessario nella situazione di crescente interesse “esterno” verso il territorio del distretto, essendo quello di Caia – come il Mozambico e molti altri paesi africani – soggetto a pressanti sollecitazioni, tra le altre, da parte delle multinazionali di agro-businnes.

Il documento è composto dalle seguenti parti: analisi della situazione attuale, scenari di sviluppo, proposte di uso della terra, cartografia e infine gli allegati. E’ stato prodotto con un intenso lavoro sul campo che ha impegnato il CAM ed un gruppo di lavoro composto dai diversi rappresentanti dei soggetti coinvolti.

Per saperne di più:
locandina iniziativa 12 aprile 2013
articolo sull’approvazione del PDUT
intervista con approfondimento