È passato più di un anno, ma le tragiche conseguenze del passaggio del ciclone Idai (marzo 2019) che ha devastato il Mozambico sono ancora visibili ed influenzano negativamente la vita quotidiana di milioni di persone. L’accesso all’educazione, soprattutto nelle aree rurali del Paese, è ancora oggi un privilegio: mancanza di strutture adeguate, povertà diffusa, lunghe distanze ed assenteismo fanno sì che solo il 45.4% dei bambini porti a completamento il ciclo di scuola primaria.

Le stime ufficiali parlano di 3.400 classi danneggiate o distrutte nelle province di Sofala e Manica a seguito del ciclone.

A distanza di un anno e mezzo dalla catastrofe, 300.000 bambini e 8.000 insegnanti (secondo i dati di PDNA doc- May 2019) sono ancora oggi impossibilitati a frequentare la scuola primaria e a ricevere un’educazione scolastica di base, segno evidente del fatto che i diritti fondamentali sono lungi dall’essere universali.

È di pochi giorni fa la conferma ufficiale che il CAM – Consorzio Associazioni con il Mozambico parteciperà attivamente al programma di Ricostruzione Resiliente Building Resilience through Education and Community Engagement in the cyclone- affected schools in Mozambique” promosso dall’Agenzia delle Nazioni Unite UNICEF, con il supporto tecnico di UN-Habitat.

Il progetto, della durata di un anno, ha due grandi obiettivi: da un lato integrare e fornire assistenza educativa multisettoriale ai bambini e agli insegnanti; dall’altro lato mira a trasmettere o ampliare nelle comunità locali le capacità e le competenze per rispondere alle emergenze in maniera resiliente, contribuendo così alla Riduzione del Rischio (RR- in inglese Disaster Risk Reduction) e abbassando la vulnerabilità nelle aree colpite delle province di Sofala e Manica.

Nello specifico il CAM si occuperà della ricostruzione delle strutture di 3 scuole elementari pubbliche nel Distretto di Nhamatanda (EPC Dirindir, EPC Solomone Machaque e EPC Manguena), all’interno delle quali saranno costruite non solo le classi, ma anche un blocco amministrativo, appartamenti per gli insegnanti e blocchi sanitari differenziati per sesso per gli alunni. Oltre alle attività edili si provvederà alla distribuzione di materiali didattici e alla formazione del personale scolastico su tematiche di genere, PSS (supporto psicosociale), violenza contro i bambini (VAC) e sviluppo di abilità/competenze life skills nei bambini. L’intervento beneficerà in maniera diretta 1470 studenti e 19 insegnanti.

180 membri delle comunità saranno inoltre coinvolti attivamente nelle attività di ricostruzione delle scuole sotto la supervisione dei tecnici locali: avranno modo di imparare facendo (learning by doing) le tecniche, i materiali e le strategie di ricostruzione resiliente. La loro partecipazione all’attività di campo promuoverà un alto livello di ownership e faciliterà l’applicazione delle tecniche migliorate su abitazioni e edifici privati, migliorando la qualità della vita dell’intera comunità locale.

Il costo del progetto è di 26.709.069 Meticais, che equivalgono a circa 300.000 euro.

Essere Partner implementatore di un progetto promosso da UNICEF ci rende molto orgogliosi del lavoro svolto fino ad oggi e dell’impegno profuso da parte di tutto lo staff, locale ed internazionale, per la ripresa dopo il passaggio del ciclone. Non ci resta che augurare un in bocca al lupo e un buon lavoro a tutti!

Articolo redatto da Silvia Comper
responsabile dell’area progettazione del CAM

L’immagine di copertina è stata tratta dalla documentazione fotografica sullo stato di fatto realizzata da Un-Habitat

Su ricostruzione post-ciclone vedi anche: