CAM e UNDP: insieme per la resilienza delle comunità

CAM e UNDP: insieme per la resilienza delle comunità

A poco più di un anno dal devastante passaggio dei cicloni tropicali Idai (14-15 marzo 2019) e Kenneth (24-25 aprile 2019), prosegue l’impegno sul campo del Consorzio Associazioni con il Mozambico (CAM) nell’ambito della ricostruzione post-emergenza. Proprio ieri, 6 luglio 2020, il CAM è diventato ufficialmente partner implementatore di un progetto semestrale di UNDP (Programma delle Nazione Unite per lo Sviluppo), in ambito di resilienza e sviluppo umano, il quale vedrà protagonista altre 17 ONG provenienti da tutto il mondo.
L’azione proposta si inserisce all’interno di un primo pilastro del Mozambique Recovery Facility Programme: programma quinquennale finanziato da UNDP con il supporto di Unione Europea, Finlandia, Canada, Olanda, India, Cina e Norvegia.

Il progetto approvato ha una duplice finalità, in linea con la visione del CAM: quella di migliorare la salubrità ed il decoro dei luoghi pubblici, ed al contempo quella di fornire i mezzi di sostentamento necessari a raggiungere un livello di vita più dignitoso ed una ripresa economica generale sostenibile. Crediamo fortemente nella sostenibilità, perciò questi obiettivi verranno perseguiti a stretto contatto con la popolazione attraverso la modalità di lavoro cash for work, dando dunque la possibilità alla popolazione di avere un impiego temporaneo retribuito per attività utili ad aumentare il benessere collettivo e la prevenzione di rischi per disastri futuri. Inoltre, questa collaborazione tra CAM e UNDP, mira a rafforzare e a supportare lo sviluppo del lavoro indipendente, guidando ed incentivando tutte quelle persone motivate e con spirito imprenditoriale a sviluppare le proprie idee.

Da ieri, il team CAM di Beira è all’opera nelle comunità di Macuti e Munhava, per individuare i 2.000 beneficiari (per la maggior parte giovani e donne) che prenderanno parte all’azione. La modalità cash for work coprirà essenzialmente tre diversi tipi di attività: lavori di ripristino della comunità (raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, manutenzione e rifacimento, luoghi pubblici, strade e canali di drenaggio); azioni di sostenibilità ambientale (piantumazione di alberi e fiori); infine, attività di sanificazione delle piazze e delle strade per prevenire o rallentare la diffusione del contagio da Covid -19 o altre malattie infettive. La possibilità di avere un lavoro temporaneo retribuito permetterà alle persone più economicamente e socialmente vulnerabili di aumentare il proprio reddito, e darà loro la possibilità di scegliere se investirne una parte in una attività lavorativa propria. Il CAM tenterà, dunque, in ultima battuta, di fornire loro tutti gli strumenti e le conoscenze necessarie attraverso corsi specifici e sovvenzioni mirate, per sviluppare questo tipo di iniziative e favorire così la sostenibilità futura.

Questo progetto è il raggiungimento di un bellissimo traguardo per il team CAM. Non ci resta che augurare un in bocca al lupo e un buon lavoro a tutti!

Su ricostruzione post-emergenza e collaborazione con UNDP leggi anche:
Dossier Idai 2019
Progetto di ricostruzione con UNICEF e UNDP

Covid-19: aggiornamento dal Mozambico

Covid-19: aggiornamento dal Mozambico

In questi mesi, mentre il virus Covid-19 si è esteso tra Asia, Europa e America con conseguenze pesantissime per le persone, i sistemi sanitari e quelli economici, nel continente africano la situazione sembra essere ancora – e fortunatamente – meno grave del temuto. Sicuramente non si può generalizzare: vi sono nazioni più colpite e altre meno colpite e vi sono misure più o meno restrittive (vedi l’analisi di Africarivista).

In Mozambico i casi accertati al 28 maggio sono 213, a fronte di 9036 test effettuati. Si è registrato un solo decesso, un bambino di 13 anni con pregressa patologia cronica (fonte MISAU). Sappiamo certo che i numeri sono molto relativi, soprattutto in contesti con limitatissime possibilità di accesso ai test clinici. Vero è che anche le fonti sanitarie “sul campo”, come i dottori di CUAMM Medici con l’Africa, testimoniano che per il momento non si verificano particolari aumenti di influenze o complicazioni respiratorie.
Il sito del Ministero offre informazioni aggiornate ed anche alcune piattaforme “avanzate”, come uno strumento digitale di autotest per il rischio di contaminazione da Coronavirus e una dashboard con tutti i dati ufficiali dei contagi.

Dal punto di vista delle limitazioni, oltre alla chiusura delle scuole continuano le misure di divieto di assembramenti e manifestazioni pubbliche, la chiusura dei bar e molti altri luoghi di aggregazione pubblica, limitazioni in entrata e uscita dal paese (al momento i voli internazionali sono sospesi e chi entra è soggetto a 2 settimane di quarantena). Il Presidente della Repubblica, nel suo ultimo discorso alla nazione il 28 maggio, ha esteso lo stato di emergenza fino al 30 giugno, ribadendo l’eccezionalità della situazione e facendo appello al senso civico della popolazione.

A Caia il nostro team del settore socio-sanitario continua l’impegno sul fronte dell’emergenza nella diffusione di informazioni e buone pratiche nelle comunità ed aiutando nei punti di controllo (ad esempio al ponte sul fiume Zambesi, confine con la Provincia di Zambesia) in stretto contatto con la Direzione Distrettuale di Salute. Gli educatori delle escolinhas, per far fronte alla chiusura degli asili, anche questo mese hanno distribuito un paniere di alimenti base alle famiglie per sostenere quei bambini che presentano segni di malnutrizione.

Attualmente rimangono a Beira due operatori italiani, il rappresentante paese e responsabile del progetto Limpamoz Paolo Ghisu e il tecnico di progetto Limpamoz promosso con ProgettoMondoMlal Dario Guirreri.

“Nonostante il rapido aumento dei casi nelle ultime settimane, le cose vanno meglio del previsto, almeno per ora”, afferma Paolo Ghisu. Le prossime settimane saranno cruciali. Preoccupano invece le ripercussioni economiche, qualora lo stato di emergenza continui ancora a lungo, in mancanza di uno stato sociale che possa venire in contro per dare appoggio alla popolazione.

Ci auguriamo tutti che il Mozambico, che negli ultimi anni ha affrontato epidemie di colera, devastanti cicloni tropicali, violente rivendicazioni politiche, possa essere risparmiato dagli effetti più dolorosi di un largo contagio del nuovo coronavirus, certo è che abbiamo di fronte ancora lunghi mesi di incertezza sull’evolversi della pandemia.

Nella pagina dedicata all’emergenza Covid-19 in Mozambico puoi trovare tutte le info sul lavoro del CAM in Mozambico durante l’emergenza, notizie aggiornate dal Paese, spunti di riflessione e come sostenerci.
Maggio 2020 e i lavoratori del CAM

Maggio 2020 e i lavoratori del CAM

Il 1 maggio, festa dei lavoratori, è una data molto sentita da tanti mozambicani, in particolare tra chi lavora in un ente pubblico o privato. La maggior parte della popolazione vive di agricoltura di sussistenza lavorando piccoli appezzamenti di terreno a conduzione familiare. Nelle città e nelle zone rurali molte persone non hanno un impiego regolare e lavorano saltuariamente venendo a costituire un ampio settore informale all’interno dell’economia del paese. Nonostante ciò, il primo maggio si trasforma in un grande “carnevale” con sfilate e caroselli in tutto il paese, dalla capitale Maputo fino alle cittadine rurali, come Caia. Numerose aziende, organizzazioni, istituzioni ed enti sfilano ordinatamente per le strade delle città, sfoggiando nuove magliette con il nome e il logo del datore di lavoro, in qualche caso nuovi automezzi o motociclette. Spesso è anche l’occasione per fornire ai lavoratori del materiale di lavoro. E’ un momento di festa collettiva, di musica e di creatività: molti allestiscono dei carri allegorici su cui sfilare dove vengono riprodotte delle scene di lavoro. Ma è anche il momento per avanzare qualche rivendicazione sindacale, spesso espressa attraverso degli striscioni. E’ anche una giornata di convivialità, molto importante per fare squadra: dopo la sfilata, in genere il datore di lavoro organizza un pranzo o uno spuntino, e spesso si finisce tutti assieme a balalre.

Purtroppo quest’anno a causa dello stato di emergenza per l’epidemia del virus Covid-19 dichiarato a fine marzo, e delle dalle restrizioni agli assembramenti per contrastarel’epidemia, questo momento di festa collettiva non si è potuto celebrare.

In questo mese di maggio il CAM vuole comunque ricordare e ringraziare gli oltre 80 collaboratori mozambicani (che includono gli assistenti domiciliari, da quest’anno formalmente inquadrati direttamente con l’associazione Mbaticoyane).

Un ricordo speciale va a Manuel José Tomo e Joaquim Vasco Sacatucua, storici guardiani presso le strutture di Caia, che hanno perso la vita a fine 2019: è sempre doloroso confrontarsi con la realtà di un paese nel quale l’aspettativa di vita è di 59 anni, 24 meno che in Italia.

Un grande OBRIGADO, ESTAMOS JUNTOS!

Il Mozambico si prepara all’emergenza – testimonianze da Beira

Il Mozambico si prepara all’emergenza – testimonianze da Beira

Abbiamo chiesto al personale italiano che attualmente opera in Mozambico con il CAM una testimonianza sulla situazione attuale nel Paese, sulla riorganizzazione delle attività e sulle percezioni.

L’emergenza sta arrivando nel Paese, come si sta organizzando il CAM e come sta cambiando la vostra quotidianità?

Paolo Ghisu – responsabile del CAM in Mozambico: come prima cosa sono state applicate tutte le misure di sicurezza igienico-sanitaria per la prevenzione dei contagi negli uffici del CAM a Beira, Caia, e Marromeu a partire dal lavaggio delle mani obbligatorio per chiunque entri, il distanziamento delle postazioni di lavoro e la promozione dello smartworking nei pochi casi in cui è attuabile, molti progetti stanno rallentando o riorganizzandosi e seguiamo con attenzione l’evolversi della situazione in Italia e in Mozambico. A parte questo la nostra quotidianità non è cambiata moltissimo, sicuramente non è stata stravolta come quella degli italiani.

Come si stanno riorganizzando le attività di progetto che seguite?

Paolo GhisuCi sono attività che sono state rallentate o sospese, in particolare quelle che comportavano riunioni di gruppi di lavoro, altre invece riadattate (come l’impegno degli educatori delle escolinhas che abbiamo raccontato qui), alcune proseguono modificando per il momento solo alcune pratiche operative (microcredito – in realtà per ora per il microcredito non cambia molto che io sappia), altre assolutamente non si potranno fermare, come l’attività di assistenza domiciliare, che continuerà a seguire le persone più vulnerabili aumentando le attività di sensibilizzazione proprio per rispondere all’emergenzaNei prossimi giorni si terrà una formazione sulla prevenzione covid-19 che preparerà un ampio gruppo di attivisti dell’area socio-sanitaria ad operare per la sensibilizzazione nelle comunità.

Dario Guirreri responsabile tecnico del progetto Limpamos a Nampula: a Nampula abbiamo sospeso le attività del progetto LimpaMos, purtroppo non c’erano le condizioni per proseguire poiché il lavoro necessitava di un forte coinvolgimento dell’amministrazione locale, di molte riunioni impossibili da condurre nella situazione di emergenza. Inoltre per per scelte organizzative e di sicurezza sono stato trasferito a Beira dove sto ora coadiuvando i colleghi sulle altre parti del lavoro.

Federico Berghi – responsabile del progetto Limpamos: a Beira alcune attività sono state sospese mentre proseguono altri interventi, ad esempio la preparazione degli spazi che accoglieranno il macchinario di trattamento dei rifiuti sanitari (vedi progetto) e quelli per migliorare la segregazione dei rifiuti organici al mercato del Maquinino.

Dall’Italia, seguiamo le informazioni ufficiali: pochi casi in Mozambico ma un quasi-totale lock-down; quali vi sembrano poter essere le principali preoccupazioni per il Paese?

Dario Guirreri: al momento il Paese è nella fase emergenza 3 di 4, non ha perciò ancora attuato il lock-down, la chiusura completa come in Italia. Molti servizi (come bar, ristoranti, supermercatisono soggetti a orario limitato, i cittadini stranieri non possono entrare in Mozambico (è stato sospeso il rilascio dei visti), mentre i mozambicani che rientrano devono sottoporsi a quarantena. Il governo sta disponendo delle misure standard, orientate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (o da quanto fatto in altri contesti), che sono però difficilmente applicabili al contesto mozambicano, per ragioni sociali, culturali ed economiche. Spesso le famiglie vivono “alla giornata”, non possono fare scorta di beni alimentari perché non hanno il modo di conservarli e spesso non dispongono di servizi igienici o fonti d’acqua vicino a casa. Anche limitare l’affollamento sui mezzi di trasporto pubblici è una indicazione non sempre semplice da rispettare.

Paolo Ghisu: l’età media della popolazione estremamente bassa (17,5 anni) fa sperare che la maggior parte dei mozambicani, se contagiata, sviluppi la malattia solo in forma lieve. Tuttavia preoccupa l’altissima incidenza di sieropositività e malattie croniche (come diabete e tubercolosi). Il sistema sanitario mozambicano è debolissimo, con grandi carenze di mezzi e di personale e, nonostante l’esperienza nella gestione di crisi sanitarie come il colera (a Beira e nel centro del paese si era verificata una epidemia anche un anno fa come conseguenza del passaggio del ciclone Idai) si teme che una eventuale epidemia di covid-19 non possa contare sull’indispensabile supporto delle agenzie  e degli aiuti internazionali poiché la crisi è globale. Un altro problema sono le misure economiche a sostegno dei più colpiti dalle disposizioni di emergenza, che il paese non può adottare per mancanza di fondi: ricordiamo che il Mozambico è uno dei 10 paesi più poveri al mondo ed il bilancio statale dipende molto dagli aiuti internazionali. 

Come vivono i mozambicani questo virus? 

Dario Guirreri: all’inizio a Nampula la percezione era principalmente tra chi viveva in centro città, dopo un po’ anche gli abitanti dei bairros periferici hanno iniziato a prenderne atto. Considerando una visione che spesso è del tipo “se una cosa non si vede non c’è”, il fatto di vedere sempre più persone con le mascherine in strada, anche in luoghi poco affollati, inizia a rendere visibile l’emergenza. Nonostante il fatalismo (“fazer o que?!”) di chi è abituato alla morte per banali infezioni, di parto, di malaria, eccetera, il mozambicano comincia ad avere una maggiore preoccupazione riguardo questo nuovo virus, anche perché vi è la consapevolezza che non ci sono strumenti per affrontarlo nel Paese.

E gli italiani in Mozambico?

Federico Berghi: in tanti ci chiedono con preoccupazione come stanno le nostre famiglie e com’è la situazione nel paese. L’ambasciata d’Italia in Mozambico e il coordinamento delle ONG italiane sono presenti e disponibili, ci si coordina e si diffondono informazioni.

Intervista a cura di Maddalena Parolin e Giacomo Toniolli

Nella pagina dedicata all’emergenza Covid-19 in Mozambico puoi trovare tutte le info sul lavoro del CAM in Mozambico durante l’emergenza, notizie aggiornate dal Paese, spunti di riflessione e come sostenerci.

Beira a un anno dal ciclone Idai

Beira a un anno dal ciclone Idai

Un anno fa il ciclone Idai ha seminato morte e distruzione nel Mozambico centrale, colpendo soprattutto la città di Beira.

Vogliamo ricordare ciò che è successo, ma anche il lavoro di ricostruzione ed il rimboccarsi le maniche dell’intera città, con un estratto dalla testimonianza di Paolo Ghisu, rappresentante del CAM in Mozambico, che ripercorre con emozione quelle difficilissime giornate e l’impegno lungo un anno per far rinascere Beira.

Giovedì 14 marzo non ero a Beira. Ero a Caia, dove per fortuna il ciclone Idai non è arrivato. Qualche settimana prima c’era stato un altro ciclone che si era abbattuto su Beira e il centro del paese. La città si era allagata, come sempre accade quando piove. Il vento aveva provocato parecchi danni. Si sapeva, da qualche giorno, che questa volta sarebbe stato molto più forte. I danni di gran lunga maggiori, in tutto il centro del paese.

Fin dalla mattina del 14 marzo il vento era molto forte, nel tardo pomeriggio si è alzato e ha iniziato a fare i primi danni. Alberi divelti. I tetti iniziavano a volare via. Fino alle 22.30 di notte sono rimasto in contatto sia con i colleghi e amici. Tutti erano al sicuro, ma impauriti.

Poi il vuoto. Per quattro giorni non sono riuscito a comunicare con nessuno. Venerdì e sabato quasi nessuna notizia attendibile. Beira era un buco nero. Isolata. Irraggiungibile.

L’unica strada d’accesso alla città era impercorribile perché in diversi punti l’acqua se l’era portata via. Finalmente domenica le prime notizie attendibili e le prime immagini. Tanta distruzione, macerie, acqua.

Beira è una città estremamente fragile. La popolazione è in continuo aumento. La disoccupazione è molto alta, soprattutto tra i giovani. Le infrastrutture sono completamente inadeguate. Le strade piene di buche. I servizi scarseggiano. E’ soggetta ad allagamenti di continuo.

Solo il lunedì sono riuscito a parlare con alcuni colleghi e amici. Provati, impauriti, ma stavano bene. Fin da subito si erano messi messi all’opera per ridurre i danni e affrontare le necessità della prima emergenza. Mercoledì sono tornato in città. L’ufficio era una piccola immagine della città intera.

Il tetto era in parte scoperchiato. Non c’erano più le finestre. Alcune porte divelte. Era allagato. Gli archivi e il materiale erano sul pavimento.

Una delle prime necessità è stata quella di sgomberare le strade dalle macerie che ostacolavano gli spostamenti urbani.

Con i fondi in giacenza abbiamo comprato del materiale per gli operai e i volontari addetti alle pulizie (badili, rastrelli, carriole, ecc.) e abbiamo fornito loro cibo e acqua per diversi giorni.

Nel frattempo le alluvioni avevano provocato danni enormi alle zone rurali del centro del paese. I campi erano stati allagati, i raccolti andati persi. Interi villaggi erano stati spazzati via. E poi il colera. Che per diverse settimane ha colpito la popolazione, uccidendo decine di persone, sia in città che nelle campagne. Nei mesi successivi è arrivata la siccità, colpendo soprattutto le zone rurali. Una grossa parte della popolazione nel centro del Mozambico ha vissuto grazie agli aiuti umanitari.

Dopo circa due settimane i servizi base in città (elettricità, acqua, linee telefoniche, ecc.) sono stati ripristinati. Ad un anno di distanza Beira è tornata a quella fragile precarietà di prima del ciclone. Parecchie abitazioni private ed edifici pubblici sono stati rimessi in sesto, anche se i danni sono ancora evidenti. Ad esempio, in diverse scuole e centri di salute mancano ancora i tetti. Nel frattempo la stagione delle piogge cominciata a dicembre ha portato altre inondazioni e provocato disagi. Nuovi investimenti arriveranno per cercare di migliorare i servizi e le infrastrutture di una città estremamente precaria.

In questi mesi il CAM ha contribuito con diverse attività alla ricostruzione della città. Grazie all’importantissimo sostegno di numerosi donatori individuali così come di agenzie internazionali.

Con un progetto finanziato da UNICEF e da donatori privati trentini e italiani, il CAM ha riabilitato il sistema idraulico e fognario in un ospedale periferico e in tre scuole. Inoltre, nelle stesse scuole sono state igienizzate tutte le aule che sono state utilizzate per accogliere centinaia di sfollati nelle settimane successive al ciclone. E’ stato costruito un bagno pubblico di quartiere in uno dei quartieri maggiormente colpiti dal colera, e sono state fatte delle campagne di sensibilizzazione sull’igiene personale e salute pubblica alla popolazione.

Grazie al sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo è stato riabilitato il centro di smaltimento dei rifiuti sanitari presso l’ospedale centrale di Beira – che ospita l’unico impianto dedito allo smaltimento dei rifiuti sanitari (infettivi, anatomici, perforanti) in città.

In collaborazione con il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP) e il Municipio di Beira è stato ripristinato l’accesso alla discarica municipale e migliorato il sistema di viabilità interna, smantellata una delle discariche provvisorie in centro città sorte all’indomani del ciclone e riparato un camion per la raccolta dei rifiuti. Inoltre, abbiamo continuato a fornire appoggio tecnico al municipio con l’obiettivo di riavviare il normale sistema di raccolta di rifiuti urbani che in questi mesi è stato messo a dura prova dalla scarsità di mezzi e fondi e dagli sforzi fatti dal personale del municipio per la ricostruzione.

Estratto dalla testimonianza di Paolo Ghisu, Beira, 13 marzo 2020

Nei prossimi anni il CAM continuerà il suo impegno a fianco del municipio e della popolazione di Beira, in particolare nell’ambito della gestione dei rifiuti solidi urbani, così come indentificato dal municipio di Beira nel documento per la ricostruzione resiliente della città (Beira – Municipal Recovery and Resilience Plan. A Roadmap to Building Beira Back Better).

Vuoi sapere di più sui fondi raccolti dal CAM per l’Emergenza Idai? Leggere le cronache di quei giorni e le testimonianze degli operatori sul campo nel post emergenza? Vai al dossier Idai