Azioni e formazioni per uno sviluppo urbano partecipato e sostenibile. Un incontro con la delegazione di Beira a Trento

Azioni e formazioni per uno sviluppo urbano partecipato e sostenibile. Un incontro con la delegazione di Beira a Trento

Giovedì 18 aprile alle 18.30 presso Bookique, in via Torre D’Augusto 29 Trento,  si terrà un “aperitivo di incontro”, occasione per conoscere i membri della delegazione del Comune di Beira ospiti a Trento attraverso il progetto Mudar.

 

Mudar è un progetto cofinanziato dall’Unione Europea tra Trentino e Beira per promuovere lo sviluppo urbano integrato e rafforzare il governo locale. Dal 14 al 20 aprile si terrà a Trento e in altre località della provincia una Summer School organizzata dal Centro per la Cooperazione Internazionale, che sarà occasione di scambio tra territori e formazione per parlare di sviluppo locale.
L’aperitivo di giovedì 18 aprile è rivolto a tutti coloro che sono interessati a conoscere il progetto e ad incontrare i rappresentanti del municipio di Beira e i tecnici specializzati in pianificazione urbana ospiti a Trento durante la settimana.

Ingresso libero, per maggiori dettagli contattare info@trentinomozambico.org

Insieme per innovare nell’economia circolare

Insieme per innovare nell’economia circolare

Il progetto Inovação Circular cresce con nuove iniziative e tanti giovani coinvolti
 
Il progetto Inovaçao Circular è giunto ormai a metà del suo percorso e si vedono già i frutti tra la vivace comunità di giovani coinvolti nelle sue numerose iniziative.
 
I due incubatori di impresa Hublink e Palincune sono attivi e dinamici e tante sono le medie e piccole realtà del territorio di Beira che operano nell’economia circolare sostenute dai percorsi di accelerazione. 
 
Basta seguire la pagina Facebook del progetto, per avere prova, con foto e testi, dell’impegno e dell’energia che riesce a mettere in campo.
 
Nella gallery che segue alcune immagini riferite a:
  • Visita del nuovo rappresentante paese CAM in Mozambico, Marco Andreoni all’Incubadora de Negócios. PALINCUNE dell’Università Zambeze e inaugurazione di una mini-biblioteca tematica in ambito impresa sostenibile (12 marzo).
  • Visite ad alcune delle imprese/startup sostenute dal programma nell’ambito della collaborazione con UniNova e Hub Link e all’impresa N.Escolhas accelerata nell’ambito del progetto IAC (7 marzo).
  • Formazione sulla Scrittura e Gestione di Progetti e Strategie di Raccolta Fondi per i membri dei due incubatori e i direttori e collaboratori dell’Università Zambeze (21-22 febbraio). 
  • Lancio del primo programma di incubazione 2024 di Hublink e firma degli accordi di impegno con i giovani imprenditori (16 febbraio).
  • Incontro di presentazione dei workshop di formazione professionali per i giovani del quartiere di Macuti Miqueijo in collaborazione con il progetto Mudar (9 febbraio).
  • Visita dell’Ambasciatore dell’UE in Mozambico Antonino Maggiore con l’obiettivo di conoscere il mondo impresariale beirense e conoscere il progetto  Inovaçao Circular (30 gennaio).
Inovaçao circular è un progetto di 4 anni (2022-2025) a cofinanziato dall’Unione Europea, da Fondazione San Zeno e dall’Otto per Mille Valdese. Viene portato avanti dal CAM insieme a Fondazione Aurora, Università Zambeze e Università Coimbra.
Nuovi aggiornamenti dal progetto MUDAR

Nuovi aggiornamenti dal progetto MUDAR

Il progetto MUDAR ha compiuto il suo primo anno di attività!

La seconda newsletter curata dal progetto aggiorna su tutte le ultime attività, specialmente quelle all’interno del quartiere di Macuti, a Beira, scelto per ospitare il progetto pilota di pianificazione urbana sostenibile e partecipata. Negli articoli si racconta quanto è stato svolto nel quartiere in questo anno, l’importanza della città di Beira a livello urbanistico, il ruolo dei vari comitati che collaborano con il progetto, il processo di empowerment innescato dal processo di gestione partecipativo e il lavoro di raccolta di foto e video sul campo per la realizzazione di un podcast per raccontare storie e persone dal Mozambico.

Leggi le news sul sito www.mudarbeira.org

Se desideri rimanere aggiornat* sulle attività e sugli approfondimenti del progetto MUDAR, puoi iscriverti alla newsletter gratuita semestrale curata in tre lingue (IT, EN, PT), dove potrai trovare anche tantissime foto del quartiere e di tutte le persone coinvolte nella realizzazione di questo ambizioso progetto.

EMERGENZA RIFIUTI SANITARI A BEIRA

EMERGENZA RIFIUTI SANITARI A BEIRA

 
L’impossibilità di smaltire in sicurezza i rifiuti sanitari prodotti dall’ospedale di Beira sta creando un’emergenza sanitaria con rischi anche per l’ambiente. Abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding per consentire la riabilitazione dell’inceneritore per i rifiuti sanitari pericolosi.
 
 
 
Nell’Ospedale Centrale di Beira e negli altri numerosi centri sanitari della città, capoluogo di provincia e seconda più grande in Mozambico, con 743.565 abitanti, vengono prodotti quotidianamente diverse tonnellate di rifiuti. Circa il 15% di questi rifiuti è pericoloso, perché a rischio infettivo, tagliente, biologico o chimico (ad esempio materiale anatomico e infetto, aghi, siringhe, mascherine, grembiuli, bende, cateteri ecc.). Pertanto, è necessaria una precisa segregazione della frazione pericolosa prodotta da un ospedale, e una successiva gestione dedicata.
 
 
Il 2 novembre 2023 l’inceneritore ha subito il crollo del camino, come si può vedere dalle foto. Si tratta di una danno molto grave per l’ospedale e per le comunità che vivono nei suoi dintorni, perché i rifiuti non possono più essere smaltiti in modo sicuro. In questo momento i rifiuti si stanno accumulando nella zona dietro l’ospedale e ciò comporta un grave rischio per la salute delle persone, soprattutto per chi ha delle patologie croniche, per i bambini e per gli anziani. Questi tipi di rifiuti non possono essere smaltiti insieme ad altri comuni rifiuti, in quanto contengono anche del materiale organico e infetto presente negli aghi, siringhe, sulle mascherine e sulle bende. L’Ospedale Centrale di Beira è la struttura sanitaria più importante della città, può offrire fino a 1000 posti letto ed è l’unico punto a Beira in cui i rifiuti solidi pericolosi possono essere trattati.
 

Dal 2021 il CAM collabora con il Servizio Distrettuale di Salute di Beira con progetti in ambito gestione dei rifiuti sanitari, che hanno visto attività di formazione rivolta al personale, la creazione di una impresa locale specializzata nel trattamento dei rifiuti e l’acquisizione di un macchinario specifico, grazie al progetto SIRSU. Si tratta di una sterilizzatrice per il rifiuto sanitario pericoloso, sicura per le persone e per l’ambiente, affianca l’inceneritore, meno sostenibile ma necessario per smaltire la totalità dei rifiuti, evitando che finiscano direttamente in discarica, dove molte persone lavorano senza protezioni alla ricerca di materiali riciclabili.
E’ nata così la società SABE, che dal 2022 ha iniziato ad occuparsi dello smaltimento dei rifiuti sanitari utilizzando la macchina sterilizzatrice NW15. La società inoltre è una delle start-up dell’ambito economia verde che è accompagnata dal programma di incubazione e accelerazione di impresa Inovaçao Circular

La grande quantità di rifiuti sanitari pericolosi nella città di Beira non può però essere trattata esclusivamente dalla sterilizzatrice, che attualmente riduce circa del 50% il carico di rifiuti inceneriti, riducendo così l’impatto ambientale. Inoltre, per un funzionamento ottimale della sterilizzatrice, alcune categorie di rifiuto non dovrebbero essere inserite, come il rifiuto farmaceutico e quello assimilabile al rifiuto comune prodotto dagli ospedali, che però spesso si trovano mescolati ad altri rifiuti pericolosi vista la difficoltà di una raccolta separata alla fonte nelle unità sanitarie cittadine.

 
 
 
Per far fronte a questa emergenza di igiene pubblica, il CAM propone una raccolta fondi per supportare l’ospedale e le comunità locali. Il fine di questa raccolta è la riabilitazione dell’inceneritore e della struttura comprendente che consentirà di ripristinare una corretta attività di smaltimento e salvaguardare dunque la salute della popolazione e l’ambiente urbano circostante.
 
 
 
L’obiettivo economico di questa nostra raccolta fondi è di raccogliere 20.000 euro entro il 12 gennaio 2024, per poter riattivare l’inceneritore il prima possibile.
 
 
 
 
 
Dobbiamo e vogliamo agire in fretta, aiutaci a fare la differenza.
 
 
Muito obrigado pela vossa generosidade.
 
 
DETRAZIONI FISCALI SECONDO LA LEGGE ITALIANA
 
Se vuoi portare in detrazione la tua donazione, puoi lasciare a noi il tuo nome, cognome e codice fiscale all’indirizzo cam@trentinomozambico.org e conservare la ricevuta della transazione che troverai nel tuo estratto conto o nel riepilogo operazioni bancarie.
A Rovereto si parla di pianificazione urbana sostenibile

A Rovereto si parla di pianificazione urbana sostenibile

Il Festival della Meteorologia si terrà a Rovereto dal 15 al 18 novembre e sarà un momento in cui si parlerà di varie tematiche legate al cambiamento climatico e alla ricerca scientifica nel settore della meteorologia. Il Festival è giunto alla sua nona edizione, ed è promosso da diversi enti scientifici e comunali, tra i quali l’Università di Trento. L’obiettivo del Festival è condividere i risultati della comunità scientifica con il pubblico e ispirare i meteorologi di domani attraverso la presentazione dei vari percorsi di studio universitari presenti in Italia in merito alla meteorologia. Non mancheranno momenti di gioco e attività ludico-ricreative per i bambini.

Il progetto Mudar sarà il protagonista dell’incontro “Gli effetti di precipitazioni intense in aree urbane spontanee e possibili soluzioni per la loro mitigazione: il caso di Beira in Mozambico” che si terrà sabato 18 novembre, ore 15:30, presso il Palazzetto dello Sport. La ricercatrice dell’Università di Trento Susanna Ottaviani approfondirà le tematiche ambientali nel contesto della città di Beira e analizzerà come il progetto Mudar si inserisce in queste sfide.

Vi aspettiamo numerosi!