La tesi di Arianna a Caia: i progetti di sviluppo umano e la loro partecipazione dal basso

La tesi di Arianna a Caia: i progetti di sviluppo umano e la loro partecipazione dal basso

Il ruolo delle comunità locali come protagonisti del loro processo di sviluppo:  nella ricerca sul campo di Arianna Geminiani, che ha approfondito i progetti escolinhas e salute comunitaria, emerge l’importanza della local ownership per garantire la sostenibilità dei progetti.

Da settembre a dicembre 2023, sono stata in Mozambico con il CAM e nello specifico presso la sede di Caia come tesista. Il mio obiettivo era quello di svolgere un periodo di ricerca empirica sul campo, per portare avanti il mio progetto di tesi magistrale. Infatti, il 21 marzo 2024 mi sono poi laureata presso l’Università di Bologna-Alma Mater Studiorum in “International Cooperation on Human Rights and Intercultural Heritage”, con una tesi che ruota attorno ai temi della sostenibilità di lungo termine e la cosiddetta “local ownership” dei progetti di sviluppo, cercando di capire che tipo di legame potesse esistere tra questi due concetti. Per fare ciò, ho svolto un’analisi dei progetti implementati dal CAM legati alle escolinhas e alla promozione della salute comunitaria.

Mettendo al centro il ruolo delle comunità locali come protagonisti del loro processo di sviluppo, ho cercato attraverso interviste individuali e focus group con vari stakeholders locali di capire quale fosse il livello di coinvolgimento, motivazione e partecipazione che veniva percepito da essi in relazione al progetto. L’empowerment e la partecipazione, in una logica di sviluppo che parte dal basso, sono infatti elementi fondamentali per dare a un progetto la capacità di essere sostenibile nel tempo, perché permettono alle comunità di acquisire un ruolo attivo nella gestione del progetto, consentendo così l’eventuale prosecuzione dell’impatto anche in una prospettiva futura.

Infatti, il concetto di sostenibilità nella logica della gestione del ciclo di progetto acquisisce anche una dimensione temporale legata alla capacità di un progetto di dare continuità nel futuro ai benefici netti di un intervento di cooperazione. Questa dimensione diventa qualcosa che va coltivato per far sì che si rafforzi la collettività come motore propositivo di processi di trasformazione. E come è possibile pensare che questo avvenga, se le comunità non si sentono coinvolte e non acquisiscono quella consapevolezza che fa sentire il progetto come qualcosa di “proprio”?

Con questa e altre domande in mente, ho quindi intervistato un totale di quasi 100 persone, tra pais encarregados, educatori delle escolinhas, attivisti CDI e membri del direttivo dell’associazione Mbaticoyane. È stato sorprendente vedere come i partecipanti fossero felici di poter dare la loro opinione ed esprimere i loro pensieri riguardo ai progetti. Ogni intervista o focus group era poi accompagnato da un questionario individuale che è servito per raccogliere i dati socio-demografici dei partecipanti.

In generale, i risultati presentano un buon grado di coinvolgimento da parte degli attori locali vicini al progetto, sia per le escolinhas sia per la salute comunitaria. Un esempio tangibile di “local ownership” è dato dalla costituzione di Mbaticoyane come organizzazione locale, autonoma e formalmente riconosciuta a livello nazionale perché questo è un segno di come l’importanza di tutelare la salute e sensibilizzare contro l’HIV, la tubercolosi e altre malattie trasmissibili (purtroppo ancora molto diffuse) sia stata interiorizzata localmente.

È emerso quanto sia fondamentale che la partecipazione delle comunità avvenga in ogni fase del progetto, dall’identificazione dei bisogni e delle potenzialità all’implementazione e oltre, perché questo approccio partecipativo permette di avere dei progetti che rispecchiano i bisogni del luogo. 

 

Allo stesso tempo, dall’analisi condotta sulla base di alcuni documenti nazionali come i Piani Strategici per l’educazione e la salute emergono alcuni limiti strutturali che mettono a rischio l’idea di una sostenibilità a lungo termine per le escolinhas e per i Cuidados Domiciliarios. Infatti, l’educazione pre-scolare non viene considerata una delle maggiori priorità per il Mozambico, nonostante la popolazione sia molto giovane complessivamente, con una massiccia presenza di bambini con un’età compresa tra i 3 e i 5 anni. La presenza di istituzioni locali scarsamente capaci di farsi potenziale carico dei progetti, quindi, mette a rischio la possibilità di portare avanti le azioni e le attività. Serve dunque sviluppare un progetto tenendo anche conto del framework legale, politico e istituzionale all’interno del quale si va ad agire.

Si è rilevato che che la partecipazione dal basso e la local ownership rappresentano degli elementi cruciali per contribuire a costruire un assetto progettuale sostenibile sul lungo periodo. Questo obiettivo implica un processo di costruzione complesso e che ha bisogno di avere un’ottica multi-livello: di conseguenza risulta importante riuscire a guidare e supportare queste dinamiche per la costruzione di relazioni con le comunità locali che siano equilibrate ed eque.

Questi tre mesi in Mozambico ovviamente non sono stati solamente un’esperienza formativa e professionale, ma anche umana e di crescita personale sul campo. Stando a contatto con lo staff presente a Caia, ho percepito meglio come venga portato avanti il lavoro all’interno di una ONG. Ho potuto poi entrare a contatto con la popolazione di Caia in modo diretto, colmando la mia curiosità verso una cultura tanto lontana quanto affascinante e imparando a vedere le cose e concepire lo scorrere del tempo in maniera diversa. È stato un periodo davvero intenso e ricco di stimoli, di cui sono estremamente grata e che ha rafforzato in me la convinzione di voler continuare su questa strada, cercando di fare la mia parte per supportare i gruppi sociali più vulnerabili. 

 

Arianna Geminiani

Abitare La Terra racconta le Escolinhas di Caia

Abitare La Terra racconta le Escolinhas di Caia

La newsletter “Abitare La Terra“, storica fonte di informazione trentina per tutto ciò che riguarda solidarietà, ambiente, cooperazione e volontariato, che raggiunge oltre 3000 destinatari, ha recentemente dedicato un numero di approfondimento sul tema dell’educazione prescolare, intervistando le nostre volontarie Giovanna Luisa ed Elisabetta Cavada riguardo al progetto Escolinhas.

Nell’articolo di Marzio Fait, attraverso le voci di Giovanna ed Elisabetta leggerete come e perché è nato questo progetto, il tipo di attività che si svolgono in una Escolinha e i benefici per bambini, famiglie e comunità.

Azioni e formazioni per uno sviluppo urbano partecipato e sostenibile. Un incontro con la delegazione di Beira a Trento

Azioni e formazioni per uno sviluppo urbano partecipato e sostenibile. Un incontro con la delegazione di Beira a Trento

Giovedì 18 aprile alle 18.30 presso Bookique, in via Torre D’Augusto 29 Trento,  si terrà un “aperitivo di incontro”, occasione per conoscere i membri della delegazione del Comune di Beira ospiti a Trento attraverso il progetto Mudar.

 

Mudar è un progetto cofinanziato dall’Unione Europea tra Trentino e Beira per promuovere lo sviluppo urbano integrato e rafforzare il governo locale. Dal 14 al 20 aprile si terrà a Trento e in altre località della provincia una Summer School organizzata dal Centro per la Cooperazione Internazionale, che sarà occasione di scambio tra territori e formazione per parlare di sviluppo locale.
L’aperitivo di giovedì 18 aprile è rivolto a tutti coloro che sono interessati a conoscere il progetto e ad incontrare i rappresentanti del municipio di Beira e i tecnici specializzati in pianificazione urbana ospiti a Trento durante la settimana.

Ingresso libero, per maggiori dettagli contattare info@trentinomozambico.org

Insieme per innovare nell’economia circolare

Insieme per innovare nell’economia circolare

Il progetto Inovação Circular cresce con nuove iniziative e tanti giovani coinvolti
 
Il progetto Inovaçao Circular è giunto ormai a metà del suo percorso e si vedono già i frutti tra la vivace comunità di giovani coinvolti nelle sue numerose iniziative.
 
I due incubatori di impresa Hublink e Palincune sono attivi e dinamici e tante sono le medie e piccole realtà del territorio di Beira che operano nell’economia circolare sostenute dai percorsi di accelerazione. 
 
Basta seguire la pagina Facebook del progetto, per avere prova, con foto e testi, dell’impegno e dell’energia che riesce a mettere in campo.
 
Nella gallery che segue alcune immagini riferite a:
  • Visita del nuovo rappresentante paese CAM in Mozambico, Marco Andreoni all’Incubadora de Negócios. PALINCUNE dell’Università Zambeze e inaugurazione di una mini-biblioteca tematica in ambito impresa sostenibile (12 marzo).
  • Visite ad alcune delle imprese/startup sostenute dal programma nell’ambito della collaborazione con UniNova e Hub Link e all’impresa N.Escolhas accelerata nell’ambito del progetto IAC (7 marzo).
  • Formazione sulla Scrittura e Gestione di Progetti e Strategie di Raccolta Fondi per i membri dei due incubatori e i direttori e collaboratori dell’Università Zambeze (21-22 febbraio). 
  • Lancio del primo programma di incubazione 2024 di Hublink e firma degli accordi di impegno con i giovani imprenditori (16 febbraio).
  • Incontro di presentazione dei workshop di formazione professionali per i giovani del quartiere di Macuti Miqueijo in collaborazione con il progetto Mudar (9 febbraio).
  • Visita dell’Ambasciatore dell’UE in Mozambico Antonino Maggiore con l’obiettivo di conoscere il mondo impresariale beirense e conoscere il progetto  Inovaçao Circular (30 gennaio).
Inovaçao circular è un progetto di 4 anni (2022-2025) a cofinanziato dall’Unione Europea, da Fondazione San Zeno e dall’Otto per Mille Valdese. Viene portato avanti dal CAM insieme a Fondazione Aurora, Università Zambeze e Università Coimbra.
La “Sala Giorgia” – uno spazio per le donne, i diritti e la solidarietà

La “Sala Giorgia” – uno spazio per le donne, i diritti e la solidarietà

Nel ricordo di Giorgia Depaoli – grazie al desiderio e al sostegno di famigliari, amiche, amici – è sorta nel 2023 a Caia la Sala Giorgia, per dare uno spazio alle donne attiviste e divenire uno luogo di riferimento per il lavoro per la promozione dei diritti della donna, avviato nel 2017-2018 proprio da Giorgia. Un breve aggiornamento su quanto fatto, in corso e in programma nel 2024.

LA SALA GIORGIA

E’ stata costruita una sala, intitolata a Giorgia, come sede delle attività del gruppo di donne. La sala è un prolungamento di un edificio già esistente, animato dall’associazione di promozione sociale Mbaticoyane, della quale il gruppo di donne è parte. L’associazione Mbaticoyane si occupa di diritto alla salute, in particolare di prevenzione primaria e secondaria, incluse le attività di assistenza domiciliare ai malati. Attraverso l’impegno delle donne, l’associazione sta sviluppando piano piano l’ambito dell’educazione alla parità di genere e alla valorizzazione del ruolo della donna.

La costruzione conclusa recentemente diventerà sede delle riunioni, ma anche delle attività di animazione e promozione della donna. Nelle prossime settimane sarà installata all’interno della sala una targa con la fotografia, il pensiero e la dedica a Giorgia.

CHI

Le protagoniste sono il gruppo di donne GMPIS – Grupo Mães de Partilha de Ideias de Sofala, sezione di Caia, attivato nel 2018 a seguito del percorso avviato da Giorgia, e che opera da allora in maniera non formalizzata. Tre donne referenti animano il gruppo, Mariana, Victorina e Albertina, mentre le attiviste che fanno parte della rete con azioni e incontri periodici sono circa 45.

La formazione periodica e l’accompagnamento sulle tematiche specifiche dei diritti della donna è a cura della sede principale di GMPIS, di Beira, che in alcune occasioni organizza iniziative dedicate al rafforzamento delle attiviste, incluse delle giornate di formazione a livello nazionale, che negli anni scorsi si sono tenute a Maputo e a Gorongosa.

COSA

Le donne di GMPIS promuovono momenti di sensibilizzazione sui diritti delle donne e su come segnalare o affrontare i casi di violenza di genere e violenza domestica. Hanno attiva una rete che agisce in maniera anonima per le denunce, facendo intervenire nei casi più delicati il commissariato di polizia locale, o facendo riferimento alla linea telefonica gratuita contro la violenza promossa a livello nazionale da UNICEF, ed aiutando a prendere in carico situazioni di allontanamento di minori da contesti di abuso. Tutto questo avviene come attività di volontariato. In occasione di festività nazionali o locali, come la Giornata Internazionale della Donna, o la Festa della Città di Caia, il gruppo GMPIS Caia viene a spesso invitato dalle autorità distrettuali ad intervenire con la testimonianza, a partecipare a sfilate, a parlare in pubblico.

Nel 2024, dopo aver allestito e ammobiliato gli spazi, inizieranno le attività di animazione della Sala Giorgia, con corsi e formazioni specifiche. Le idee sono tante: corsi di cucito o di cucina per aiutare le donne ad avviare piccole attività di sostegno economico, corsi di alfabetizzazione (lettura e scrittura ma anche alfabetizzazione finanziaria), programmi radiofonici, spettacoli teatrali e molto altro. Il programma è ancora in fase di elaborazione, avremo cura di raccontarlo nella prossima relazione periodica!

QUANTO

Grazie al coinvolgimento di tante amiche e amici di Giorgia e della sua famiglia sono stati finora raccolti 19.700 euro da destinare al progetto.

Nel corso del 2023 sono stati spesi circa 17.000 euro per:

  • costruzioni
  • accompagnamento, controllo dei lavori, pulizie (percentuale del compenso di Victorina che è la responsabile dell’adiacente Casa da Saude)

Il rimanente di quanto già raccolto sarà impiegato ad inizio 2024 per:

  • arredi della struttura
  • stampa e posizionamento della targa interna
  • acquisto di materiali di cancelleria, stampa volantini, prodotti per la manutenzione e la pulizia
  • una quota parte dei guardiani che presidiano la struttura la notte
  • dotazione delle attiviste coordinatrici di biciclette per muoversi nelle diverse zone della periferia di Caia e del distretto
  • altri costi relativi alla gestione in loco

L’impegno finanziario previsto per il 2024, il 2025 e il 2026 è di 3.000 euro l’anno per le attività e la manutenzione della struttura.


Scarica il report in PDF
.

Per info specifiche: maddalena.parolin@trentinomozambico.org
Per sostenere il progetto: IBAN IT82B0501811700000017203647 (causale “ricordando Giorgia”)


Leggi anche:

Muoversi verso la sostenibilità: la partecipazione del Progetto IaC alla COP28

Muoversi verso la sostenibilità: la partecipazione del Progetto IaC alla COP28

Il progetto Inovação circular (IaC) è stato di recente ospite alla 28ª Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) che si è tenuta negli Emirati Arabi Uniti a Dubai tra il 30 novembre e il 12 dicembre. Questo evento cruciale ha riunito leader globali determinati a trovare soluzioni concrete alle sfide legate al cambiamento climatico e ha permesso a Paulino Goma, Junior Local Coordinator di progetto, di presentare gli obiettivi di IaC e il contesto sociale ed economico in Mozambico in cui si inserisce.

Il progetto IaC mira a sostenere le realtà legate all’Economia Circolare e a trasformare il modo in cui affrontiamo i problemi ambientali. In particolare, il progetto svolge un ruolo cruciale nel sostenere le piccole e medie imprese (PMI) impegnate nell’Economia Circolare.

Durante la COP28, Paulino ha avuto l’onore di presentare i risultati e le prospettive del progetto, che si basa sull’idea fondamentale che l’innovazione è la chiave per creare soluzioni sostenibili e resilienti. Offrendo un approccio pratico, miriamo a ispirare un cambiamento reale e a promuovere la transizione verso un’economia più circolare.

Uno degli aspetti più interessanti della nostra partecipazione è stato quello di evidenziare gli sforzi rivolti alle PMI coinvolte nell’economia circolare nella città di Beira. Ci rendiamo conto che queste aziende svolgono un ruolo fondamentale nella trasformazione del panorama economico e il progetto IaC si impegna a fornire un supporto pratico e strategico. Questo approccio mira non solo a rafforzare queste aziende, ma anche a creare una rete interconnessa di pratiche sostenibili lungo tutta la catena produttiva.

Paulino ha anche partecipato attivamente all’approvazione formale della posizione globale che sarà consegnata al Segretario Generale in occasione della Giornata della Gioventù dell’8 dicembre. Questo testimonia l’impegno dei giovani a guidare le discussioni e a plasmare il futuro ambientale globale. Inoltre, ha cercato di promuovere scambi, partenariati e connessioni strategiche per amplificare la nostra voce nell’agenda nazionale e raggiungere così i nostri obiettivi più ambiziosi.

Al ritorno da questa esperienza stimolante, è fondamentale mantenere lo slancio. Il progetto IaC si impegna a continuare a guidare il cambiamento, e questo è possibile solo con il continuo sostegno dei nostri membri e partner. Non vediamo l’ora di rafforzare le nostre collaborazioni, esplorare nuove opportunità e affrontare le sfide che ci attendono.

Ringraziamo tutti coloro che hanno reso possibile la partecipazione di Paulino e del progetto alla COP28.

Articolo originale curato da Comunika.

Traduzione dal portoghese a cura di Martina Seppi.