Operatività del CAM durante l’emergenza Covid-19

Operatività del CAM durante l’emergenza Covid-19

Gli uffici del CAM Trento rimangono chiusi durante tutto il periodo dell’emergenza Covid-19, pertanto invitiamo a non utilizzare il numero di telefono 0461-232401. Lo staff CAM lavora da casa ed è reperibile ai rispettivi indirizzi e-mail e numeri di telefono. Come sempre l’indirizzo mail generale per contattarci è cam@trentinomozambico.org.

Le attività in Mozambico stanno cominciando a riorganizzarsi per  la gestione dell’emergenza, in stretto contatto con il team del CUAMM Medici con l’Africa in Mozambico, l’ambasciata d’Italia in Mozambico, il Ministero della Salute e le direzioni di Salute di Sofala e di Caia. Oltre a rafforzare le attività di sensibilizzazione alle buone pratiche di igiene nelle comunità, attraverso gli assistenti sanitari e gli educatori delle escolinhas, si sta valutando la riorganizzazione delle attività con un piano di emergenza per i progetti nel distretto di Caia e nelle città di Beira e Nampula. Dal 23 marzo le escolinhas, come tutte le scuole, sono chiuse, ma il team sta lavorando per mantenere attiva una modalità di sostegno nutrizionale ai bambini, per i quali la merenda quotidiana offerta dalle escolinhas costituisce una integrazione dietetica a volte significativa.

Cresce infatti la preoccupazione su come il Mozambico, considerando le grandi difficoltà del fragile sistema sanitario e la forte diffusione di tubercolosi e HIV, riuscirà ad affrontare l’epidemia. Al momento ci sono solo pochissimi casi segnalati nel Paese, che però non è attrezzato per fare i tamponi per la ricerca del virus Covid-19.

#iorestoacasa ma #estamosjuntos

NUOVA CAMPAGNA SOCI 2020

NUOVA CAMPAGNA SOCI 2020

Dal 2020 è possibile associarsi al Consorzio Associazioni con il Mozambico!

L’assemblea dei soci, riunita il giorno 30 gennaio 2020, ha infatti concordato di intraprendere questa nuova strada, peraltro già prevista dallo statuto, il quale consente l’adesione come socio anche alle persone fisiche e non solo ad associazioni o enti.

Il nome del CAM resterà Consorzio Associazioni con il Mozambico, riflettendo una parte importante dell’identità dell’associazione, ma l’assemblea a partire dal 2020 sarà costituita  anche dalle tante persone che decideranno di sostenerci.

La quota annuale è stata fissata a 20 euro.

Perché questo cambio di identità?

…perché in quasi 20 anni di percorso il CAM è cresciuto molto ed ha visto modificare la propria azione, inizialmente incentrata sul progetto di cooperazione comunitaria nel distretto di Caia, verso un impegno in Mozambico più ampio;

…per sostenere le attività del CAM ed allargare la partecipazione dei volontari nella vita associativa, confrontandosi anche sulle strategie generali e non più soltanto sulle singole attività;

…per far conoscere maggiormente l’associazione e le attività che promuove, coinvolgendo sempre più persone in una azione di cooperazione solidale.

Diventando soci si potrà sostenere i progetti di cooperazione in Mozambico, condividere l’impegno per lo sviluppo umano e sostenibile, rafforzare il legame stretto che lega la comunità di Sofala con quella trentina e contribuire in prima persona allo sviluppo delle attività e delle strategie dell’Associazione.

Diventare socio è molto facile: compila e firma il modulo con la richiesta all’Assemblea e consegnalo allo staff CAM o ad un membro del Consiglio Direttivo.

Dopo aver versato la quota associativa annuale per soci singoli di € 20 (in contanti o attraverso bonifico bancario specificando nella causale quota associativa), ti verrà confermata l’accettazione e riceverai il materiale di …

BENVENUTO SOCIO!

Al via Limpamoz, un programma che unisce l’Italia e il Mozambico  nell’ambito della Gestione dei Rifiuti Solidi Urbani

Al via Limpamoz, un programma che unisce l’Italia e il Mozambico nell’ambito della Gestione dei Rifiuti Solidi Urbani

Stamattina nella sede di Dolomiti Energia a Trento è stata firmata la convenzione che dà il via alla collaborazione sul progetto Limpamoz, che vede il CAM e Progettomondo.mlal uniti per un ampio intervento nelle città di Beira e di Nampula in appoggio alle municipalità nella sfida al grande problema dello smaltimento dei rifiuti cittadini.

Il progetto, con finanziamento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, vedrà coinvolte tre istituzioni significative della Provincia di Trento: Dolomiti Ambiente, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica dell’Università di Trento e il Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige. Parteciperà all’azione anche Mlal Trentino Onlus.

Il progetto, con finanziamento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, vedrà coinvolte tre istituzioni significative della Provincia di Trento: Dolomiti Ambiente, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica dell’Università di Trento e il Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige. Parteciperà all’azione anche Mlal Trentino Onlus.

Presenti al momento di firma della convenzione e alla conferenza stampa i rappresentanti delle istituzioni partner di progetto: Marco Merler, Amministratore Delegato di Dolomiti Energia Holding SpA, Mario Mancini, Presidente Progettomondo.mlal, Paolo Rosatti, Presidente Consorzio Associazioni con il Mozambico, Silvia Silvestri, Responsabile Dipartimento Ambiente e Agricoltura di Montagna del CTT – FEM e Marco Ragazzi, professore ordinario presso il DICAM – UniTn.

Il programma LimpaMoz, si svilupperà tra il 2020 e il 2022 nelle città di Beira e Nampula. Il progetto del valore complessivo di 2.074.009 euro co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – AICS per 1.800.000 euro, dal titolo“Limpamos Moçambique – Programma per il Rafforzamento della Gestione dei Rifiuti Solidi Urbani nelle Città di Beira e Nampula”, lavorerà su 4 componenti: il rafforzamento tecnico e gestionale degli uffici municipali; il miglioramento nella gestione della frazione organica e deposizione finale del rifiuto; il coinvolgimento del settore privato quale attore attore fondamentale della filiera e infine la sensibilizzazione della cittadinanza e la diffusione di buone pratiche.

Premio U.N.C.I. 2019: we’re back!

Premio U.N.C.I. 2019: we’re back!

 Per il secondo anno consecutivo, l’U.N.C.I. – Unione Nazionale Cavalieri d’Italia – ha deciso di assegnare al CAM il Premio “Bontà 2019 – riconoscimento al volontariato e alla solidarietà”. La cerimonia di premiazione è avvenuta domenica 9 giugno durante la “Festa del Cavaliere”.
Corrado Diamantini, vicepresidente CAM, ha ritirato il premio ed ha illustrato ai partecipanti come è stato investito il premio Bontà vinto l’anno scorso: è in via di costruzione, nella città di Caia, una nuova strada che collega il mercato con il bairro DAF. I lavori, iniziati questa primavera, verranno conclusi durante l’estate.
Il premio di quest’anno verrà invece utilizzato a sostegno dei diversi progetti emergenza ora attivi nella provincia di Sofala (a seguito del ciclone IDAI che si è abbattuto lo scorso mese di marzo) di cui il CAM è responsabile.
Ad oggi, oltre 40.000€ i fondi raccolti: ecco come ci avete aiutato

Ad oggi, oltre 40.000€ i fondi raccolti: ecco come ci avete aiutato

In seguito al passaggio di Idai, il CAM è subito intervenuto per contrastare l’emergenza e ripristinare i servizi, anche in collaborazione con diversi operatori internazionali. I nostri collaboratori hanno potuto intervenire tempestivamente ed in maniera efficace anche grazie alle numerose donazioni ricevute, che ci hanno permesso di reagire prontamente all’emergenza e progettare gli interventi di ricostruzione. Ecco come sono stati utilizzati i  41,258 € raccolti!

  • Interventi di ripristino del sistema fognario e del sistema d’approvigionamento idrico dell’unità sanitaria del quartiere di Chingussura  (38%)
  • sanificazione dell’acqua dei pozzi per contrastare la diffusione del colera (6%)
  • manutenzione e disinfezione di diverse scuole usate come campi emergenza dagli sfollati (6%)
  • supporto ed assistenza domiciliare nella zona di Caia (20%)
  • avvio del ripristino dell’inceneritore dell’ospedale di Beira, per permettere l’eliminazione dei rifiuti sanitari (6%)
  • fornitura di pasti ed attrezzatura da lavoro per i volontari che hanno partecipato al ripristino delle infrastrutture cittadine (18%)
  • sopralluoghi e progettazione dei nuovi interventi (6%)

Alcune delle attività avviate nei primi due mesi proseguiranno nella seconda parte dell’anno. Grazie all’impegno dei nostri collaboratori a Beira, è stato possibile attivare finanziamenti da enti ed agenzie internazionali quali AICS, UNICEF ed UNDP per il sostegno alla ricostruzione. Nei prossimi mesi il CAM sarà impegnato  nel ripristino della discarica di Beira, con un finanziamento del Programma delle Nazioni Unite per lo Svluppo. Ci auspichiamo inoltre di intervenire con maggiore impegno nel ripristino della deposizione controllata dei rifiuti solidi ospedalieri.

Negli ultimi mesi i fondi raccolti ci hanno permesso di raggiungere, attraverso i vari interventi, oltre 50.000 persone. Ringraziamo tutti coloro che credono nell’associazione e ci sostengono!

Anche il TGR parla di Mozambico

Anche il TGR parla di Mozambico

Nelle ultime settimane il Mozambico si trova al centro dell’attenzione mediatica a causa di Idai. Anche in Trentino questa tematica sta suscitando l’interesse dei cittadini, dei giornali e delle televisioni locali. Martedì 16 Paolo Rosatti e Isacco Rama sono stati ospiti del programma di Rai3 Buongiorno Regione, dove hanno parlato degli interventi del CAM a Beira.
Ad oggi il CAM continua ad affiancare i partner locali, tra cui il Conselho Municipal da Beira per far fronte all’emergenza. Grazie anche al supporto delle donazioni ricevute tramite la campagna di crowdfunding, vengono fornite attrezzature e pasti ai volontari che lavorano quotidianamente per ripristinare la città ed aiutare la popolazione. Il CAM sta inoltre lavorando per ripristinare il sistema di raccolta dei Rifiuti Sanitari a Beira e per migliorare le condizioni igieniche nei campi dei rifugiati a Beira e combattere l’insorgere di epidemie a Caia.
L’associazione sta inoltre lavorando in questi giorni con la Protezione Civile Europea (EU Civil Protection and Humanitarian Aid – ECHO) per una valutazione dei danni nei distretti di Marromeu e Chinde.

L’intervista di Paolo R. e Isacco R. è stata poi riproposta nel corso del Telegiornale Regionale. Ai seguenti link è possibile rivedere la versione integrale ( https://bit.ly/2V9YRL7 ) e quella proposta nel corso del TGR ( https://bit.ly/2IrTO2u ).

Ricordiamo che è ancora attiva la campagna di raccolta fondi, è possibile donare a questo link.