Adotta un’escolinha!

Adotta un’escolinha!

Inizia nel mese di novembre la nuova campagna di raccolta fondi organizzata dal CAM, “ADOTTA UN’ESCOLINHA!”.

Che cosa sono le escolinhas e in che modo puoi essere di aiuto?

Le escolinhas sono i 4 asili fondati dal CAM nella città di Caia. Dal 2003 garantiscono a circa 600 bambini un programma di educazione pre-scolare in grado di fornire un’istruzione di base con avvicinamento alla lingua portoghese, un pasto al giorno e attività educative di tipo sanitario e sociale. L’obiettivo è di facilitare l’inserimento dei bambini nella scuola primaria, con particolare attenzione alle fasce a rischio, come orfani e bambine. Una opportunità in più per centinaia di bambini che spesso, per necessità familiari, sono costretti ad abbandonare gli studi in favore di lavori manuali in grado di aiutare la famiglia economicamente.
Il progetto inoltre coinvolge la popolazione e le famiglie dei bambini attraverso incontri e formazioni atti a sensibilizzare la comunità su tematiche importanti quali la parità di genere e l’importanza di una corretta alimentazione.

Decidendo di partecipare a “Adotta un’escolinha!” con una donazione periodica (mensile, trimestrale, semestrale o annuale) di importo a scelta, contribuirai a garantire un pasto sano e nutriente al giorno a tutti i bambini, parteciperai all’acquisto dei materiali didattici necessari allo svolgimento delle attività, renderai possibile l’aggiornamento formativo costante degli educatori, contribuendo al sostegno del loro salario e ad assicurare una manutenzione delle strutture, offrendo un luogo sicuro e dignitoso agli scolari.

Tutte le attività finanziate grazie a questa campagna verranno periodicamente pubblicate e comunicate.

Un modo semplice per aiutare direttamente ed indirettamente un’intera comunità!

Scopri di più QUI!

Firmato il nuovo accordo di pace

Firmato il nuovo accordo di pace

Nella settimana in cui i rapporti tra le due principali forze politiche italiane peggiorano, il Mozambico si rende protagonista di un processo inverso: un processo di pace.

Il presidente del Mozambico, Filipe Nyusi, leader del Fronte di Liberazione del Mozambico (FRELIMO) ha infatti siglato questa settimana un accordo di pace con Ossufo Momade, leader della Resistenza nazionale mozambicana (RENAMO), principale partito all’opposizione.

Una data storica per la storia mozambicana che vede, almeno formalmente, concludersi un conflitto che proseguiva dal 1981, prima sotto forma di guerra civile (ufficialmente conclusa nel 1992) e poi sotto forma di ondate di violenza e conflitti armati, susseguitesi anche fino a tempi recenti.

La lotta che ha accompagnato i due partiti durante la loro storia, è legata con la Guerra Fredda in Africa: il Frelimo nasce come movimento indipendentista e comunista mentre Renamo deve la sua creazione agli ideali di liberazione anti-comunista, inevitabilmente sostenuti dagli Stati Uniti d’America. Le politiche socialiste imposte da Frelimo nel periodo successivo alla liberazione dal Portogallo hanno creato malcontento tra la popolazione, permettendo alla Renamo di fare leva su tali sentimenti e promuovere la guerra civile. Se con la pace di Roma del 1992 ci si augurava un miglioramento democratico, così è stato soltanto in parte.

La maggioranza del Frelimo in Parlamento, mai scalfita dal 1992 ad oggi, ha fatto nascere accuse di votazioni manipolate e frodi. Scarsa trasparenza nelle procedure di voto, politiche volte a sfavorire l’opposizione e diversi casi di corruzione hanno reso difficile una convivenza pacifica tra le due forze dal 1992 ad oggi.

Il nuovo accordo, il secondo dopo l’accordo di Roma, vuole quindi porre fine alle ostilità in maniera decisa. Soprattutto in vista delle elezioni politiche previste per il 15 ottobre 2019. Per la prima volta, Renamo potrà competere per il governatorato delle province. L’ottenimento quindi del controllo di quelle dove oggi detiene la maggioranza sarebbe una prova del corretto svolgimento delle elezioni, una base su cui costruire questa ritrovata pace.

Appuntamento dunque ad ottobre.

 

Approvato il Piano di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi Urbani a Beira

Approvato il Piano di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi Urbani a Beira

Il 18 luglio è stato approvato il Piano di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi Urbani di Beira dall’Assemblea Municipale!

Un risultato importante per il CAM che ha contribuito alla sua stesura, collaborando a stretto contatto con il Municipio di Beira e con tutti gli attori coinvolti, dopo diversi anni di impegno in tale settore.

Il Piano di Gestione Integrata è uno strumento strategico che guiderà lo sviluppo del settore nei prossimi anni ed è pensato per migliorare le condizioni di vita dei cittadini e la vivibilità della città stessa. Punta a rafforzare il servizio di raccolta al fine di minimizzare gli impatti negativi sulla salute e sull’ambiente che la gestione non controllata di rifiuti provoca. Vuole tracciare la strada per sensibilizzare la cittadinanza ad introdurre buone pratiche e sistemi di raccolta, di pulizia e di riciclaggio in grado di offrire una vita dignitosa ai cittadini e di creare sviluppo economico attraverso la creazione di nuove mansioni e nuovi posti di lavoro.

È una via condivisa su cui realizzare le future attività in questo settore: la promozione del riuso e del riciclaggio, la raccolta differenziata, il compostaggio, lo sviluppo di una economia circolare ed altro. Un piano di lavoro su cui è stato fatto affidamento anche nella gestione dell’emergenza rifiuti a seguito del ciclone tropicale Idai, su cui il CAM ha lavorato e sta lavorando in partenariato con il Municipio di Beira e il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo – UNDP.