La forza comunicativa e relazionale del teatro comunitario

La forza comunicativa e relazionale del teatro comunitario

Da quasi un anno Francesca Bina svolge il Servizio Civile Nazionale all’estero in Mozambico. Durante la sua permanenza a Caia ha incontrato il gruppo di teatro Mãe para Mãe rimanendone colpita.

“Ho conosciuto il gruppo Mãe para Mãe dell’Associazione Mbaticoyane lo scorso marzo, non appena sono arrivata a Caia. Dopo aver conosciuto tutte le attività del CAM qui nel distretto ho scelto senza grossi dubbi di esplorare più a fondo questa, perché ho un particolare interesse per il teatro.

Il primo giorno non lo scorderò mai: alle 15.30 con Elias arriviamo alla Casa de Saude e realizziamo dopo mezz’ora che le partecipanti avevano tutte “tirato il pacco”, come si suol dire. Tutte tranne una. Sdraiata su una stuoia c’era Vitoria, una donna magra, con sguardo spento e qualche lacrima sul viso, con suo figlio lì accanto che dormiva beato. Provo a scambiare due parole con lei con l’aiuto di Elias; mi racconta che ha appena perso il marito con il ciclone a Beira e adesso si trova sola con a carico due bambini; lei sieropositiva e anche il più piccolo. Anche i vicini di casa la evitano, si sente molto sola. Ha cominciato a gennaio con il gruppo di teatro. Questo incontro mi conferma il fatto di voler entrare dentro il teatro di Mbaticoyane.

Dal giovedì successivo, quindi, comincio a partecipare alle prime prove: il grande scoglio è stato inizialmente quello della lingua e sapevo che il processo di creazione di fiducia reciproca sarebbe stato lungo, più lungo sicuramente rispetto ad altri luoghi.

Per un abbondante periodo ho continuato ad osservare e a cercare di entrare sempre un po’ più dentro le dinamiche del fare teatro del gruppo: l’osservazione per me è stata fondamentale, perché mi ha permesso di studiare bene i comportamenti e cominciare a conoscere le persone. Anche dal modo di recitare si capiscono tante cose di una persona, senza necessariamente dover fare troppe domande. Ho mantenuto l’impegno il più costante possibile, come per dire “guardate che ci sono e mi piace quello che fate!”.

Ebbene si, perché il teatro del gruppo Mãe para Mãe non è il teatro che ci si immagina: non ha nulla a che vedere con la dizione, con i testi classici o con i versi recitati a memoria; è un teatro comunitario con uno scopo esclusivamente sociale.

Il gruppo, composto prevalentemente da donne, mette in scena piccoli spettacoli con l’obiettivo di far riflettere gli spettatori e le comunità sopra tematiche sanitarie: in particolare buone prassi sull’HIV, come assumere i medicinali, consigli sul non abbandonare le cure, sul recarsi in ospedale, il dialogo tra medicina tradizionale e medicina dell’ospedale, rompere il silenzio riguardo alcune chiusure mentali relative ai malati di HIV e non solo, i diritti delle donne, ecc.

Tutte queste tematiche vengono affrontate negli spettacoli che Mãe para Mãe porta in scena nelle comunità: non importa la raffinatezza del teatro, importa soprattutto che le persone si immedesimino nella situazione che viene rappresentata, per cercare di innescare una sorta di riflessione collettiva nella speranza di cambiare mentalità sul lungo periodo, ovviamente.

La grande forza del teatro sta proprio in questo; riuscire a comunicare anche solo con un gesto, senza parlare, con il semplice sguardo, con il semplice movimento del proprio corpo, è un vero acceleratore di integrazione tra le persone, con la sua straordinaria capacità di abbattere qualsiasi barriera linguistica mettendo al centro proprio l’espressione e il movimento. Tutto il corpo.

Nella mia prima fase di osservazione, mi sono accorta di quanto il teatro sia acceleratore di messaggi perché sicuramente riesce ad arrivare laddove non riesce l’ospedale; le persone hanno meno diffidenza nel sentire altre persone che, come loro, sono sieropositive e senza paura lo raccontano.

Si, perché questo gruppo di donne sa bene cosa vuol dire convivere con l’HIV e, proprio per questo motivo si mette in gioco e lo racconta, perché capisce l’importanza di abbattere lo stigma dell’HIV e della condizione del malato qui a Caia.

Dopo aver osservato, ho deciso di mettermi in gioco anche io, perché sentivo che la fiducia reciproca stava via via aumentando. Inizialmente ho promosso una piccola formazione tecnica e da lì inaspettatamente, il gruppo mi ha proposto di recitare il 1 dicembre in occasione della Giornata Mondiale contro l’HIV.

Lo scoglio più grande per me continuava ad essere la comunicazione, perché ovviamente gli spettacoli sono in cisena, la lingua locale, ma abbiamo adottato un escamotage per non far percepire questa differenza… e ci sembra aver funzionato!

La grande forza del teatro sta proprio in questo; riuscire a comunicare anche solo con un gesto, senza parlare, con il semplice sguardo, con il semplice movimento del proprio corpo, è un vero acceleratore di integrazione tra le persone, con la sua straordinaria capacità di abbattere qualsiasi barriera linguistica mettendo al centro proprio l’espressione e il movimento. Tutto il corpo.

A teatro le differenze sono davvero il punto di forza: nel teatro si riesce realmente a sperimentare che, indipendentemente dal colore di pelle, le persone si trovano sullo stesso piano. Si crea la sintonia, l’empatia e la relazione che porta a vederci persone e non “mzungu” e “mozambicani”, “bianchi” e “neri”, “capo” e “dipendenti”.

Il teatro arriva, parla, gioca con le persone che lo fanno e il pubblico che assiste, con la speranza di renderlo sempre più attivo e critico. Ma con la speranza anche di far crescere le persone che si mettono in gioco e in questo Vitoria per me è stata un esempio incredibile. Oggi anche lei sale sul “palco”, si diverte, ride, grida quando deve gridare e piange quando deve piangere.

Spesso le attività artistiche vengono fatte passare in secondo piano o sono le prime a cui vengono tagliati i fondi, perché non si riescono chiaramente a trovare degli indicatori per dimostrare empiricamente i risultati raggiunti: d’altronde, mi pare piuttosto complicato trattandosi di una attività artistica.

Però davvero auguro a tutti di poter incontrare la propria Vitoria che, con serenità, si confronta con le sue difficoltà e trova la chiave di lettura per poterle superare.

Per lei questa chiave è stata ed è tuttora il teatro.”

Francesca Bina

“Il primo mese a Beira!”

“Il primo mese a Beira!”

Da inizio Agosto, al team di Beira si è aggiunta una nuova volontaria! È Arianna Cemin, studentessa trentina che per i prossimi 4 mesi affiancherà la squadra locale del CAM per raccogliere materiale utile per la sua tesi in ambito WASH e per dare il suo sostegno al lavoro di coordinamento tra i molti settori! 💧
In seguito riportiamo la sua testimonianza del primo mese di questa sua esperienza!

Arrivata a Beira dopo un lungo viaggio, incontro Paolo all’aeroporto. Mi accoglie con un sorriso, nonostante una valigia non sia arrivata ma tutto normale. Mi immergo subito nell’aria polverosa e pesante di Beira, percorrendo la strada dall’aeroporto alla città rimango con gli occhi incollati al finestrino a guardare le piccole baracche di lamiere e legno che costeggiano la strada. Un primo impatto forte che mi butta immediatamente in un vortice di pensieri.

Mi accolgono i colleghi mozambicani, calorosi e felici di vedermi si dimostrano subito molto disponibili. Dopo poche settimane sono già come una famiglia, in ufficio nonostante il lavoro sia molto e caotico c’è sempre spazio per una risata o una brincadeira.

Il primo week end, Gorongosa be’, c’è poco da dire, magnifico. Riusciamo a campeggiare un paio di notti sotto le stelle africane tra strani suoni animaleschi e chiacchierate filosofeggiate accompagnate da una buona Manica, ormai la mia birra preferita. Safari, fatto; leoni, gazzelle uccelli e chi più ne ha più ne metta spazi sconfinati, circondati da boschi fitti di alberi dal tronco giallo.

La prima settimana è di totale assestamento, prima volta in Africa. È tutto uno scoprire e riscoprire, abituarsi ad odori forti tra immondizie bruciate e cibo che marcisce per strada.

Tutti ti guardano ma non con disprezzo e nemmeno con paura ma con curiosità alla fine siamo pochi muzungo, una minoranza a tutti gli effetti. Purtroppo anche dopo un mese è ancora difficile abituarsi a vedere alcune scene in strada, persone accasciate per terra, visibilmente denutrite, bambini che accompagnano adulti ciechi a chiedere l’elemosina. Alla fine se sei bianco la prima associazione che molti fanno è “bianco=denaro” e non solo, aleggia un certo timore, forse più servilismo intrinseco nell’atteggiamento dei mozambicani. Certo decostruire un concetto che noi bianchi stessi abbiamo creato attraverso la colonizzazione non è di certo facile.

La comunità di expat di Beira mi accoglie da subito con grande entusiasmo ed entro nel vivo di questo piccolo mondo a sé stante che cerca di integrarsi nella società mozambicana. Svariati personaggi di tutte le età e di varie associazioni. Potersi confrontare ed apprendere da chi ormai vive a Beira da molto tempo è una risorsa preziosissima. Essendo curiosa domando qualsiasi cosa e costruisco man mano la storia di questo Paese tra guerre, cicloni e difficoltà. Il ciclone ha di certo segnato un capitolo molto importante per la città, chi lo ha vissuto lo racconta con occhi semilucidi e la paura e lo sconforto aleggia ancora nelle loro parole. Sicuramente i rapporti che sto costruendo mi stanno aiutando a chiarirmi le idee per il mio futuro e a conoscere persone meravigliose, ognuna con la propria storia e con il proprio pacchetto di esperienze.

Un bilancio generale più che positivo, sia a livello lavorativo dove sto apprendendo come sviluppare progetti e sto scrivendo la mia tesi di laurea triennale, sia a livello umano e personale.

Arianna”

Una nuova tappa per il Piano di Caia!

Una nuova tappa per il Piano di Caia!

Un passaggio importante per il Settore Pianificazione Territoriale

Oggi è una giornata importante per il CAM nella Provincia di Sofala. A Caia, tra oggi e domani viene ufficializzato l’avvio dei lavori sui Piani Urbanistici del Distretto.

In queste ore i tecnici del DPTADER (Direzione Provinciale di Ambiente, Terra e Sviluppo Economico Rurale) sono in visita a Caia per inaugurare formalmente l’elaborazione dei cinque piani sviluppati grazie al lavoro del CAM. Oltre al Plano de Estrutura Urbano di Caia, verrà dato il via al lavoro per il PEU di Sena, e i piani di Murraça, Licoma e Ndoro.

Oltre ai tecnici e ai collaboratori del CAM, stanno partecipando all’evento amministratori locali, direttori distrettuali, reguli, segretari dei bairros e altre figure influenti all’interno della comunità.

Questo importante momento è stato preceduto da un intenso lavoro, svolto del Settore Pianificazione Territoriale del CAM. Numerose uscite sul campo e la mappatura dei bairros e dei regulado sono stati i primi steps. In seguito, il gruppo di lavoro ha organizzato un piano di formazione specifica per i tecnici. Ciò ha permesso di raggiungere importanti obiettivi che ci hanno portato alla giornata di oggi. Innanzitutto, la digitalizzazione del catasto, che ha facilitato l’implementazione del piano. In secondo luogo l’appoggio all’SDPI (Servizio Distrettuale di Pianificazione e Infrastrutture) nelle attività di riqualificazione urbana. Infine, l’apertura di strade nei quartieri spontanei.

Questa giornata segna un nuovo inizio per il Settore Pianificazione. In bocca al lupo a tutti i collaboratori!!

 

Per ulteriori informazioni sull’importanza dei piani, clicca QUI

In seguito troverai alcune foto delle tappe significative del lavoro fatto

Donne, Pace e Sicurezza a Gorongosa

Donne, Pace e Sicurezza a Gorongosa

Gorongosa, 5 Novembre: le donne che stanno seguendo il percorso di formazione sulle tematiche di genere a Caia hanno preso parte ad un importante incontro. Victorina Abel Afonso una delle collaboratrici del CAM, ha scritto un “relatório” della giornata:

Il giorno 5 Novembre io e altre donne del gruppo di Caia siamo partite  in direzione del Distretto di Gorongosa, nella località Khanzada. Eravamo 8, e avevamo l’obiettivo di andare a discutere delle idee con altre donne delle province e dei distretti mozambicani, oltre che di vari paesi stranieri. Il tema dell’incontro era: “Donne, Pace e Sicurezza”. Alla fine del dibattito sono emerse delle conclusioni che ci hanno permesso di tracciare delle linee d’azione comuni, che sono la creazione di comitati di base e di scuole di alfabetizzazione.

Victorina Abel Afonso

Ecco una galleria di immagini dell’evento, curata da GMPS, il gruppo femminista di Caia che sta organizzando la formazione.

Maria e i suoi figli

Maria e i suoi figli

Maria è una delle numerosissime persone che, ogni giorno, trovano nel lavoro del CAM e dell’Associazione Mbaticoyane un aiuto per vivere meglio. Il nostro volontario Gianpaolo Rama, in collaborazione con Elias – responsabile dell’Associazione – ci racconta la storia di questa giovane donna.

CITTA’ DI BEIRA

Maria ha 28 anni e fino a qualche mese fa viveva serena con suo marito Felipe, che lavorava la terra e coltivava ortaggi. Si guadagnava un po’ di denaro rivendendo pomodori e insalata al mercato locale. Avevano avuto da poco il loro primo figlio, João, che aveva preso il nome del nonno paterno. Da qualche tempo Felipe era più stanco e il lavoro gli costava maggiore fatica. Aveva spesso una tosse insistente, ma non voleva darsi per ammalato e rifiutava la richiesta di Maria di farsi visitare all’ospedale.

Le condizioni di Felipe non avevano offuscato l’allegria per una felice notizia: Maria aspettava il loro secondo figlio, vissuto come una felicità ed una benedizione per la famiglia! Il peggioramento di Felipe, però era preoccupante e non si poteva più trascurare nonostante la poca disponibilità di Felipe di farsi curare.

Venne il giorno in cui Felipe, particolarmente confuso, era agitato, respirava rapidamente e con difficoltà. Con l’aiuto dei vicini di casa, venne trasferito in ospedale e solo pochi giorni di delirio bastarono per lasciare Maria sola con il piccolo João. Maria, ora ancora più povera, avrebbe dovuto tirare avanti con le sue sole forze. Per i suoi bambini voleva star bene, e faceva regolarmente i controlli dall’ostetrica del dispensario.

Allo scadere dei sei mesi di gravidanza, una nuova brutta notizia, difficile da accettare: Maria era stata infettata com il virus HIV. L’ostetrica ed una signora gentile dell’ospedale cercavano di consolarla, e per darle speranza congliavano delle cure con farmaci.

Maria, disperata, si chiedeva perchè la mala sorte la perseguitasse tanto. Consultato un guaritore tradizionale, questi la sottopose ad una cerimonia purificatrice, ma nello stesso tempo la indusse a tornare all’ospedale e seguire la cura che i medici le avrebbero dato.

All’ospedale Maria iniziò una cura con più medicine al giorno, ed accettò di controllare anche João per essere sicura che non fosse malato: purtroppo anche lui risultò infettato dal virus e fu necessario prendere provvedimenti. João stava bene e non capiva perchè la mamma dovesse dargli le medicine, ma accettò di prenderle e di farsi curare. Maria accusava pruriti e debolezza, non era più in grado di vendere prodotti al mercato e a volte non sapeva cosa dar da mangiare al figlio.

Arrivato il giorno del parto nacque Antònio, piccolo ma sano ed affamato!

CITTADINA DI CAIA (2018)

A Beira, città dove Maria viveva, c’è tanta gente e molti poveri. Maria, che sapeva di avere una zia a Caia, pochi mesi fa decise di raccogliere i suoi pochi averi ed i suoi due figli e prendere lo “chapa” (vecchio pullmino) in direzione di Caia e della casa della zia. Ma la zia è anziana, povera e di salute precaria e il marito non accetta di condividere la propria casa, ancor meno con persone malate.  Così Maria e i suoi figli si rifugiano in una piccola casa di fortuna, fatta di paglia, dove, se piove forte, il tetto non ripara a sufficienza la piccola stanza. Riceve un po’ di farina di mais dai vicini di casa e sopravvive.

INTERVENTO DELL’ ASSOCIAZIONE MBATICOYANE

La situazione di Maria, che entra in contatto con l’ospedale, viene segnalata dall’ospedale ad Elias, il responsabile dell’Associazione Mbaticoyane. Elias e l’Associazione di cui é presidente, da 15 anni svolge a Caia un lavoro sanitario e sociale, collaborando con l’ospedale locale nella cura dei malati non ospedalizzati presenti sul territorio, per assicurare loro la continuità delle cure croniche, tra cui la tubercolosi e l’AIDS. L’Associazione garantisce anche il trasporto dei malati dai villaggi distanti verso l’ospedale con l’utilizzo della bici-ambulanza ed interviene con azioni di soccorso in situazioni di disagio sociale: vedovanza, presenza di orfani, calamità. L’associazione Mbaticoyane é sostenuta, dal suo nascere, dal Consorzio Associazioni con il Mozambico (CAM) di Trento.

VISITA A MARIA NELL’AMBITO DELLA SUPERVISIONE DEL CAM

Da quel momento, Elias e due volontari dell’Associazione visitano regolarmente Maria e i suoi due bambini, offrendole vicinanza e consolazione, ed assicurandosi che prendano le medicine per l’infezione. La visita odierna (6 novembre 2018) mi viene proposta da Elias e rientra nel calendario delle visite della giornata, così vengo a conoscenza della sua storia e delle sue necessità. Maria è triste e depressa. Da qualche giorno ha smesso anche di dare le medicine a João e prende irregolarmente le proprie.

Il dialogo tra Elias e Maria è lungo e a tratti anche João è coinvolto. Ci si preoccupa della cura, ma anche di garantire a Maria e ai suoi bambini un’alimentazione sufficiente, almeno integrando la farina con fagioli, frutta e verdura. Si progetta di costruirle una casa propria di paglia e fango, ma più dignitosa di quella attuale, provvisoria, misera e per la quale si deve pagare un piccolo affitto. Alla fine della visita Maria appare più serena, accetta di proseguire regolarmente con la cura e sembra avere ritrovato fiducia in se stessa e nelle persone dell’Associazione, che tentano di darle una mano, con i mezzi di cui dispongono. Accetta di partecipare ad un gruppo di auto-mutuo aiuto di madri sieropositive, creato dalla Mbaticoiane per testimoniare pubblicamente l’importanza del trattamento e combattere la stigmatizzazione delle persone con infezione.

Da San Michele al Mozambico: una visita per conoscere e condividere

Da San Michele al Mozambico: una visita per conoscere e condividere

Ormai è passato un mese dalla fine della missione del gruppo della Fondazione Edmund Mach in Mozambico. Com’è giusto fare in queste occasioni, abbiamo deciso di dar voce ai nostri tre volontari, che hanno condiviso con noi la loro esperienza. Oggi riportiamo la testimonianza di Angelo Pecile – ex responsabile dell’Unità Risorse Foraggere e Produzioni Zootecniche della Fondazione, che ha risposto a quattro semplici domande con delle bellissime parole.

Clicca sulla domanda, e leggi la risposta di Angelo!

“Il significato più importante, fra i numerosi che è difficile anche enumerare, è quello di aver dato nomi, visi, sguardi a tante persone, espatriate e locali, che operano all’interno dei diversi progetti. Dare quindi concretezza, “toccare con mano” e sentire con le emozioni, la straordinaria esperienza che la cooperazione allo sviluppo attivata dal CAM e dai suoi partner, sta realizzando grazie alla volontà all’impegno, alla determinazione e, soprattutto, al “crederci” di tutte queste persone, ognuna per la sua parte, più o meno importante che sia.

Più in generale, essendo il mio primo viaggio in Africa, non da turista, mi ha arricchito come solo l’esperienza diretta può fare rispetto a mille letture, convegni, documentari: come se le mie conoscenze sui problemi dell’Africa siano passate dalla testa a tutto il corpo, a tutto me stesso. Non sono più lo stesso di prima, non solo per questo, ma anche per aver sentito e assorbito, come non mai a questo livello nella mia vita personale, pubblica e lavorativa, la grande forza dell’agire insieme ad altri, del faticare per lo stesso obbiettivo.

Mi ha fatto anche capire che anche quando tutto appare maledettamente complicato e apparentemente irrisolvibile, il “crederci” ed il conseguente operare con la necessaria competenza, può realmente fare la differenza per decine, centinaia, migliaia di persone, partendo magari da piccole cose concrete, per noi scontate, ed invece per miliardi di persone, purtroppo, ancora da scoprire.

Mi ha fatto purtroppo confermare che in questa nostra piccola terra, le differenze non stanno fra i confini degli stati, fra i colori della pelle, fra la temperatura o la piovosità, stanno soprattutto fra chi comanda, chi sfrutta, chi deruba, chi corrompe, e tutti gli altri, la grande maggioranza ovunque, che in misura diversa subisce, sopporta, si rassegna, alle volte si ribella, alle volte cerca la sua strada di pace facendo finta che il banale male non esista.”

“Ciò che mi ha colpito è stata la sua straordinaria ricchezza di risorse naturali ed umane che sono lì, pronte per esprimersi e per fare di quel Paese un luogo in cui poter desiderare di nascere, crescere, vivere in pace.

Mi ha colpito quella sorta di pacata rassegnazione, quasi di serenità, che mi è parso di percepire nelle tante persone che ho visto durante il viaggio: fra le capanne di fango e canne di bambù, negli innumerevoli mercati e mercatini improvvisati in ogni dove anche nel più sperduto nulla attraversato, nei caotici paesi e cittadine, nelle file di persone, bambini, donne, uomini, giovani e vecchi quasi sempre a piedi che vanno e vengono sulle strade che costeggiano la savana che si stende a perdita d’occhio.

Mi ha colpito la forza della natura, ancora poco domata e incanalata per esprimere la sua generosità a favore dell’uomo.

Nella grande povertà mi ha colpito anche la grande reciproca tolleranza fra le innumerevoli “Chiese” che in queste condizioni forse esprimono tutte il meglio del loro comune messaggio di umanità, solidarietà, fratellanza, pace. E’ un paese dove i “sacerdoti” non possono ingrassare.”

“Forse mi hanno colpito di più i progetti che conoscevo di meno, quelli che mi riguardano di meno sul piano professionale.

In particolare le attività di Microcredito, quelle socio-sanitarie a favore soprattutto delle donne e dei bambini, le “escolinas”.

Mi hanno colpito perché cercano di affrontare e riescono a risolvere, per quanto possibile e compatibile con le risorse umane e materiali, tre grandi temi fondamentali pe queste popolazioni che vivono in un Paese che non riesce e non riuscirà forse ancora per molto ad occuparsi dei loro bisogni: la salute, l’istruzione, l’economia.”

“Assolutamente sì. Riporto una frase che mi ha detto Federico Berghi – Responsabile Settore Pianificazione Territoriale – mentre ci confrontavamo su varie questioni: “Se un viaggio come il vostro lo facessero tutti, una volta nella vita, le cose andrebbero meglio su questa terra”.”