Il mare si sta alzando, il clima sta cambiando: le lezioni apprese dal terribile ciclone Idai in Mozambico

Il mare si sta alzando, il clima sta cambiando: le lezioni apprese dal terribile ciclone Idai in Mozambico

** Il racconto che segue è stato tradotto da un articolo di Sally Williams del giornale The Guardian **

** anche le immagini sono tratte dallo stesso articolo**


L’albero aveva retto al centro del quartiere per quasi 100 anni. Era stato piantato dal padre di Alfolso Reis, prima che costui nascesse. Il padre aveva lavorato come autista e “amava gli alberi”, dice Reis, che adesso ha 70 anni.  Le persone erano solite mangiare gli amari frutti rossi dell’albero e, recentemente, lo stesso aveva iniziato a fornire ombra agli ambulanti dell’affollato mercato della città di Beira, una delle più grandi città del Mozambico. “Mi piaceva sedermi sotto i suoi rami” dice Fina, di 21 anni, che vende pomodori, cocomeri, cipolle e aglio per le vie caotiche della città. Altri ambulanti vendono banane, arance o vestiti di seconda mano.

Si aveva la sensazione che la vita potesse cambiare ma che gli alberi sarebbero rimasti costanti nel tempo. Poi qualcosa di strano è accaduto. Circa alle 14 del 14 marzo del 2019, l’albero improvvisamente si schiantò a terra. Nessun ferito ma le persone sono state colte di sorpresa. “C’era solo un leggero vento” disse Fina. “Chi avrebbe mai pensato che un albero di quella taglia sarebbe caduto così?

Sette ore dopo, il più terribile ciclone della storia dell’Africa del sud ha colpito il Mozambico, avanzando nell’entroterra prima di proseguire per lo Zimbabwe e il Malawi. Il ciclone Idai ha ucciso più di 1000 persone e ha devastato Beira, una crescente città portuale di 500.000 persone, costruita su un delta che sfocia nel Canale del Mozambico, sulla costa est dell’Africa. In un primo momento si è alzato il vento con raffiche che hanno raggiunto i 200 km all’ora, abbastanza fortI da far volare via tetti, piatti, sedie, gatti e cani e aerei. La puzza degli animali putrefatti scagliati sugli alberi è aleggiata per giorni.

Poi sono arrivati giorni di forte piogge e, infine, l’alluvione. Beira è situata alla foce di due grandi fiumi, il Buzi e il Pungwe; entrambi hanno straripato, sommergendo i villaggi circostanti, intrappolando le persone sui tetti e creando un nuovo lago grande quanto il Lussemburgo. Centinaia di alberi sono stati sradicati e almeno il 70% delle costruzioni urbane sono state severamente danneggiate, molte di cui hanno perso i tetti; 6 scuole e 60 chiese sono state totalmente distrutte. Le strade sono diventate inaccessibili e l’aeroporto è stato chiuso. I supermercati hanno rapidamente finito il cibo. Il pane e l’acqua sono stati razionati. Più di 146.000 persone hanno perso le loro case nelle quattro province più colpite.

Quasi due anni dopo, il Mozambico sta cercando di ricostituire. Ma stiamo vivendo un periodo in cui i disastri naturali aumentano: estrema siccità, inondazioni epiche, incendi apocalittici. Vedremo sempre più frequentemente catastrofi, come Idai, colpire stati che potrebbero non essere pronti ad affrontarli? Quanta colpa ha il clima? Cosa possono fare gli stati benestanti per aiutare i paesi più vulnerabili?

Ho incontrato Rita Chiramswuana, di 51 anni e Fatima Vasco Limo, di 45 anni, a febbraio, 11 mesi dopo il ciclone, in un’umida tenda del campo di Ndedja, che ospita 2.355 persone in 471 abitazioni ed è a due ore da Beira. Contadine di John Segredo, un vicino villaggio di 200 persone, hanno 16 bambini, incluso Zacaria, di 11 anni, adottato da Chiramswuana cinque anni fa, dopo che la madre prima, ed il padre poi, sono morti.

Chiramswuana è viva, con uno spirito scintillante. Le piacciono i gioielli, porta uno smalto blu e indossa un cappello da pescatore lavorato all’uncinetto. Vasco Limo è più tranquilla, più serena. Sono amiche da anni. “La nostra amicizia è così”. Chiramswuana dice, tenendo alzato l’indice. “Lei è il dito ed io l’unghia”.

Chiramswuana, suo marito e i nove bambini vivevano in un due piccole case nel villaggio. Vasco Limo e la sua famiglia avevano una sistemazione simile. Coltivavano il proprio cibo – cavolo, anacardi, mais, fagioli – avevano accesso all’acqua corrente nei dintorni e facevano abbastanza soldi da mandare i bambini a scuola (l’educazione è gratis fino al 10° grado, quando i bambini hanno 15 anni, ma i genitori pagano per i libri dal 8° grado). Potevano anche permettersi di comprare cose per la casa: sedie di plastica, padelle, forchette. Chiramswuana ha 20 anatre e 30 polli; Vasco Limo invece ha 15 polli e due capre, un segno di status elevato nel villaggio. Entrambi sognavano di avere una “vera casa” – di mattoni piuttosto che di fango e paglia – e una torcia. “E’ buio di notte. Ci sono serpenti e senza la luce non si vedono” dice Chiramswuana. Tutto sommato però erano soddisfatte.

C’erano già state tempeste nel villaggio, con forti venti e piogge intense; quando Vasco Limo ha sentito i vicini parlare del ciclone, ha pensato che potesse essere qualcosa di simile (il governo ha avvertito la popolazione tramite la radio ma lei non ne aveva una). Alle 6 di pomeriggio ha cucinato patate dolci e altre verdure per la sua famiglia. Quando il ciclone è iniziato alle 8 di sera, lei in casa con suo marito e i suoi figli più piccoli, di 10, 14 e 4 anni (gli altri erano in una casa vicina). C’erano anche le galline e le capre con lei.

Alle 21, il boato si è fatto sempre più forte. C’è stato un gran colpo. Il tetto è volato via, racconta. Sono stati tutta la notte seduti, con la casa aperta, senza un tetto. “Era molto buio. Ho abbracciato i miei figli a me”. Fuori era grigio e ha iniziato a piovere. Il vento era come un forte ventilatore, dice. “Drrrrrrr”. Altri raccontano che è stato come se il ciclone stesse salendo attraverso dal sottosuolo. Circa alle cinque del mattino, il vento si è fermato e Vasco Limo è andata fuori. “Vedevo case distrutte e persone morte”. Tra loro c’era Anna, una vicina di casa di 60 anni. “Poi ho sentito persone gridare ‘SocorroSocorro! Aiuto! Aiuto!’. Mio marito ha corso per vedere quale fosse il problema. Ha visto un enorme ammasso di acqua – un’inondazione – ed è ritornato indietro correndo. 

Vasco Limo e la sua famiglia sono riusciti a scappare dall’inondazione; hanno raggiunto la parte più elevata del villaggio, oltre la marea, prima che il villaggio si allagasse. Chiramswuana non ne ha avuto la possibilità. “Le persone cercavano di scappare ma la marea arrivava molto velocemente, era molto potente”, dice. Con l’acqua già fin sopra la vita, “l’unica cosa che si poteva fare era arrampicarsi su un albero” – Una persona saliva e poi tirava su le altre; le persone venivano passate da una all’altra”. Chiramswuana è stata l’ultima a uscire dall’acqua: lei e la sua famiglia sono rimasti su un albero di mango per 24 ore, con forti piogge, senza cibo, ma troppo scioccati per aver fame. Chiramswuana è rimasta seduta silenziosamente su un ramo con la figlia di otto anni sul grembo, un braccio attorno al tronco, e l’altro attorno alla figlia, cercando di non guardare la strage che si vedeva passare sotto l’albero. “Maiali, capre, galline e polli, casse, altoparlanti, DVD – anche persone spazzate via dall’acqua”.  Suo fratello ed il figlio più piccolo di cinque anni hanno trovato rifugio su un albero differente, che è stato sradicato. Il suo corpo è stato trovato coperto di sabbia due giorni dopo: il corpo del piccolo era a quattrocento metri dal suo. Quando Chiramswuana e Fatima si sono viste al campo quattro giorni dopo, si sono date un intenso abbraccio. Adesso Vasco Limo dice dell’albero di mango: “Questo è il mio Dio! Rendo grazie”.

Ma il loro villaggio è scomparso e non possono più tornare a casa. Vivono grazie agli aiuti umanitari in rifugi improvvisati. Hanno ricevuto dei semi ed un piccolo appezzamento di terra. Ma ci sono state forti piogge lo scorso gennaio, eventi disastrosi per persone che contavano sul loro primo racconto post-ciclone. “Le coltivazioni sono inutili” dice Vasco Limo. “Quando riuscivamo a mettere da parte dei risparmi, io e mio marito ci chiedevamo, “Cosa compriamo? un’anatra? Una gallina?” Stavo costruendo la mia vita. Non lo posso più fare. Tutto ciò che avevo è andato perso – tutto – in un battibaleno”. 

Oggi, Vasco Limo, Chiramswuana e all’incirca altre 2300 persone senza tetto vivono ancora nel campo. Devono fare la fila per gli aiuti, poiché il loro ultimo raccolto è stato un ulteriore disastro. “Il troppo caldo ha bruciato la coltivazione,” dice Ciramswuana. Ma i semi più recenti stanno crescendo bene” e ci sono mango che si possono già raccogliere.

Con il passare dei mesi, mi racconta Vasco Limo “le cose pian piano migliorano”; adesso ha i pannelli solari. Ma c’è una nuova paura: il covid-19. I tassi di contagio sono bassi in Mozambico, con circa 16.721 casi e 139 morti registrati in dicembre, ma c’è ancora poco screening, perciò è difficile sapere l’impatto reale del virus. Sebbene Ndedja sia Covid-free, c’è paura nel campo. Il ciclone ha causato 3,2 miliardi di dollari di danni, equivalenti al 22% del prodotto interno lordo nazionale o alla metà del bilancio pubblico annuale dello stato. Il governo è stato costretto a chiedere in prestito 118,2 milioni di dollari dal Fondo Monetario Internazionale per rispondere all’emergenza, aumentando il suo debito pubblico ad una rovinosa cifra di 14,78 miliardi.

Per le persone di Beira, il disastro sfida la logica. Molti sono caduti alle credenze dei loro antenati: secondo alcuni residenti il ciclone è stato creato da un dio o un demonio; i venti erano la “bestia che fischiava” e le inondazioni sono state causate da un “grande animale con sette teste”. Gli scienziati hanno una spiegazione diversa. Mentre il ruolo della crisi climatica nel ciclone Idai non è ancora pienamente compreso, gli esperti credono che ci siano legami con la crescente temperatura delle acque dell’Oceano Indiano. “Accadono sempre più frequentemente tempeste di alta intensità” dice Jennifer Fitchett, professoressa associata all’Università di Witwatersrand di Johannesburg, in Sudafrica.

Il ciclone Idai è stato seguito dal ciclone Kenneth, anche questo di categoria 4, che ha colpito il confine tra Mozambico e Tanzania sei settimane dopo (Due cicloni tropicali severi in una stagione è davvero insolito per il Canale del Mozambico). Solo la scorsa settimana, il 30 dicembre, Chalane, una potente tempesta tropicale, ha portato un’altra volta forti piogge e vento a Beira. L’occhio della tempesta è passato a nord della città, dove ha distrutto costruzioni e sollevato tetti, incluso quelli dell’Ospedale di Nhamatanda. Più di 26.000 abitazioni sono state colpite; 265 famiglie sono adesso in un alloggio temporaneo. “Non c’è assolutamente nessun dubbio sul fatto che quando c’è un ciclone tropicale (come Idai), in seguito, a causa del cambiamento climatico, le piogge sono più intense”, dice Friederike Otto, direttore dell’Istituto dei Cambiamenti Climatici, dell’Università di Oxford. “Inoltre, a causa dell’aumento del livello del mare, le risultanti inondazioni sono più frequenti rispetto a quanto sarebbero state senza cambiamenti climatici indotto dall’uomo”

Comunque, la severità dell’impatto del ciclone Idai è spiegabile meno dall’intensità della tempesta e più dal fatto che ha colpito una delle nazioni meno preparate ad affrontarla. A Beira ci sono numerose grandi ville e zone commerciali con alberature ampie lungo le strade, formalmente pianificate dai portoghesi durante l’occupazione coloniale (il Mozambico divenne indipendente nel 1975). Altrove, migliaia di persone vivono stipate insieme in abitazioni molto fragili. Il reddito medio è meno di tre dollari al giorno, a malapena sufficiente per comprare 2kg di zucchero e quattro pagnotte di pane. Il Grande Hotel, costruito nel 1955 per turisti bianchi benestanti del sud della Rhodesia (allora colonia britannica, ora indipendente, Zimbabwe) non è mai stato concluso, oggi è diventato un’enorme baraccopoli. Le persone vivono dentro di esso, dislocandosi perfino sulle scalinate a chiocciola, per avvantaggiarsi dell’ombra. Il più grande datore di lavoro in città è il porto. Aperto alla fine del 19° secolo, è un’importante punto di entrata per i beni in Mozambico e oltre. Il sud della Rhodesia fece di Beira il suo porto strategico negli anni ’30 del 900 e la sua eredità è ancora presente nei collegamenti ferroviari, stradali e nella presenza dei gasdotti. Ci sono alcuni business – finanza e microcredito – ma l’economia è largamente informale, gli uomini vanno a pesca e le donne vendono frutta, verdura e vestiti di seconda mano nei banchetti del mercato.

Daviz Simango è sindaco di Beira dal 2003. Nel 2014, si prese posizione di fronte ai donatori internazionali al lancio del Beira Master Plan per avvertire del danno causato dalla crisi climatica per una città che è appena sul livello del mare, con difese marine in decadenza e la scomparsa della cintura delle mangrovie che fornivano una protezione naturale contro le inondazioni costiere. Simango delinea un piano ambizioso per sostenere la resilienza di Beira entro il 2035, con un progetto di infrastrutture verdi che includono la piantumazione di 7.000 alberi ed il ripristino delle paludi di mangrovie. I danni causati dal ciclone stanno ora forzando Simango, il governo del Mozambico ed un entourage di esperti globali a farsi venire in mente soluzioni urgenti per quella che lui definisce “la città più vulnerabile del Mozambico”.

Ogni giorno vedo come il clima sta cambiando”. Dice Simango quando ci incontriamo. “Il mare si sta alzando e le onde sono più forti e più grandi.  Vedo come cambia la temperatura. Non è come prima”. Il ciclone Idai ha colpito proprio nel momento in cui gli stati occidentali stavano considerando di aiutare le nazioni più povere sul fronte del cambiamento climatico. Eppure alla Conferenza COP25 sul Cambiamento Climatico che si è svolta a Madrid nel dicembre 2019, i decisori politici hanno fallito nel concordare un meccanismo per le nazioni benestanti per fornire un’assistenza finanziaria. “Immagina una persona povera difronte ad un ristorante di lusso” dice Simango“Passi davanti a quella persona, entri nel ristorante e ordini del cibo. Quando hai finito di mangiare, vai fuori e dici alla persona povera, “paghi tu”.

Quando l’ho visitata, Beira aveva le sembianze di una città che aveva attraversato la guerra. Solo il 30% della città è stata ricostruita: 48 scuole sono senza tetto. “Quando piove, i bambini tornano a casa” dice Simango. “Non c’è scuola”. Il Mozambico non è andato in totale lockdown come gli altri stati, sebbene scuole, ristoranti e chiese abbiano chiuso dopo i primi casi a marzo. Oggi, lo stato sta ritornando lentamente alla vita normale. Gli abitanti di Beira sono stati più colpiti dal ciclone che dalla pandemia globale. L’ospedale centrale puzza di umido e ci sono macchie di acqua sui muri. Questo è il luogo in cui l’enormità del disastro è diventata subito evidente. I medici che già lavoravano in un sistema sotto-finanziato, hanno trattato 450 casi in tre giorni di fratture, ferite da contusione, lacerazioni da detriti, pelli buastre e dolori al petto causati da quasi annegamento. Anche adesso, l’unità intensiva neonatale è sommersa di macerie ed è inutilizzabile. “Dobbiamo prenderci cura dei bambini nell’unità pediatrica”, dice Boniface Rodrigues, un medico anziano e portavoce dell’ospedale, indicando quelle vite che potrebbero esser perse come risultato. “Stiamo facendo del nostro meglio, ma la cura neonatale non è come dovrebbe essere”. La sala operatoria è stata restaurata solo otto mesi dopo il ciclone.

Il club di vela sulla spiaggia Macuti di Beira è aperto quando lo visito, sebbene i visitatori possono sedere solo sul terrazzo e devono portarsi le proprie bevande. Il ristorante, la palestra esterna e il recinto della barca sono ancora in rovine. Netto Dezzimata, di 38 anni, una guardia di sicurezza che ha aiutato a evacuare il club dopo che il manager del ristorante ha letto degli avvertimenti sul ciclone online, racconta come è sopravvissuto quando il club è crollato attorno a lui. Ha passato la notte sotto un arco con le mani chiuse attorno ad un pilastro “Non riuscivo a vedere dove finiva il mare e dove iniziava la terra – tutto quello che vedevo era acqua – ma in quanto guardia di sicurezza, dovevo mantenere la mia posizione”.

The Golden Peacock, invece, è immacolato. Conosciuto anche come Chinatown, questo complesso recintato vicino l’aeroporto include un hotel a cinque stelle (con un ristorante cinese, una spa e un casino), case in affitto, negozi e un parco divertimenti per bambini. I pavoni – che si ritengono essere il primo degli uccelli importati in Mozambico – vagano tra i prati curati e le ninfee. Acquisito dall’AFECC, un’impresa cinese presente su larga scala con interessi che includono una miniera di diamanti in Zimbabwe e una miniera di smeraldo in Zambia, cosi come catene di Hotels e supermercato attraverso l’Africa, “The Golden Peacock” è popolare grazie al commercio cinese. Gli ospiti dell’hotel e delle case in affitto sono riusciti a resistere al ciclone nella lussuosa area della reception. Il danno – sebbene significativo, con tetti rotti in tutte le abitazioni – è stato riparato nel giro di un mese.

Circa 92.500 persone sono ancora senza tetto, vivono in rifugi improvvisati nei 71 campi post-cicloni nelle quattro province colpite.  La sfida adesso è trovare un nuovo modo di vivere.

Antonio Silvero Namangero, di 38 anni, era solito prendere quantità abbondanti di pesci con solo una canoa e una rete – dentici rossi, corvine, gamberetti, granchi e soprattutto cernie. “Potevi venderli per molti soldi” dice quando ci incontriamo.

Come molti uomini nell’affollato quartiere di Palmeiras 1 di Beira, Namangero era un pescatore, come lo era il padre. Vendeva la sua pesca ai ristoranti, proprietari di ville recintate ed al mercato. Perciò poteva mandare i suoi cinque figli a scuola e accrescere la sua attività. Con la sua prima canoa ha fatto abbastanza soldi da potersene comprare una seconda; una seconda canoa significava che poteva assumere due uomini. “Era una bella vita ed eravamo veramente felici” dice Namangero, il cui obiettivo era comprarsi una casa propria. Poi il ciclone ha distrutto la sua casa e le sue canoe, cosi come quelle di tutto gli altri pescatori. “Le persone ne hanno usato il legno per riscaldarsi” ricorda. Adesso si è sistemato nel campo Mandruzi, gestito dalle ONG Unicef, Care e Oxfam, ad un’ora di macchina da Beira. Qui, Namangero e sua moglie si stanno dedicando all’agricoltura, vista dalle ONG come una maniera pratica per ripristinare la loro indipendenza. I loro rifugi sono siti in un lotto di terra con piante magnifiche che sovrastano il figlio più piccolo: patate, meloni, mais e fagioli. Il caldo è brutale.

“Mi mancano gli uccelli, la brezza e le onde” dice Namangero. Di sera, ero solito incontrare i miei amici con i quali accendevamo il fuoco e friggevamo il pesce. Qui, c’è solo cavolo. Sto soffocandoprimo, perché non c’è cibo e non ci sono opzioni; secondo, perché c’è caldo e non si respira”. Chiedo se si vede come agricoltore o pescatore. “Come pescatore”, risponde.

Jose Joao Chimoio, di 37 anni, che sta vivendo anche lui nel campo, mi mostra un pesce che ha catturato durante una gita a Beira. “Volevo ricordare ai miei bambini che il loro padre era solito portare a casa pesci. Adesso non porta nulla”. L’obiettivo dei pescatori qui è fare abbastanza soldi nell’agricoltura per comprare una canoa che costa più di 200 € e ricominciare a vivere una vita normale”.

Ma l’agricoltura ha i suoi lati negativi. “Passi sei mesi a coltivare ma tutto finisce con sei sacchi di riso” dice Amadaeu Wilson Ibraim, di 40 anni. “E quei sei sacchi di riso non durano a lungo. Con la pesca, tu peschi, e poi puoi mangiare o vendere quello che peschi. È più immediato”.

Namangero, Chimoio e Ibraim si sono offerti di mostrarci la spiaggia dove le loro canoe sono state distrutte. Più tardi quel giorno, hanno preso un bus per Beira, e ci siamo incontrati difronte al mare. La prima cosa che hanno fatto è stata è correre in mare, completamente vestiti. Noi siamo rimasti in spiaggia a guardali saltare, nuotare e schizzare acqua. È stato il primo assaggio dell’oceano di Namangero dopo otto mesi. È fantastico” dice. “Mi sento come un uccello che vola”.

Non si può ancora permettere di comprare una nuova barca o di pescare reti, e neppure Ibraim e Chimoio possono. Questa è la ragione per cui vivono ancora al campo, cercando di coltivare cibo. “Molte persone stanno venendo a vivere qui perché qui non ci sono inondazioni e c’è l’elettricità” dice Namangero.

C’è poi un’altra sorpresa spiacevole. Visitiamo un’azienda agricola vicino Ndedja dove sono piantati mais, meloni e palme di banana. Guardiamo più da vicino e vediamo qualcosa muoversi – qualcosa di grande, giallo e nero. Le coltivazioni brulicano di locuste, a migliaia. “Soffriremo la fame nella mia famiglia”, dice Palmira Mussa, di 39 anni, che ha cinque bambini e gestisce l’azienda con suo marito, Gorge Adjapi, di 59 anni. Le locuste stanno già divorando gran parte dell’Etiopia, Kenya e Somalia e gli esperti credono che gli sciami siano un altro risultato del cambiamento climatico. “Il suolo è umido e le locuste amano gli ambienti umidi, perciò stanno riproducendosi molto a confronto con gli anni precedenti, dice Armando Zacaria, di 28 anni anni, di Kulima, una NGO locale che lavora con Oxfam per aiutare le comunità del campo a coltivare il cibo. Gli esperti hanno confermato che si tratta della peggiore invasione di locuste degli ultimi 70 nell’Africa orientale.

Il sindaco Simango aspira a dare vita al piano “Beira Back Better” che include sviluppare un sistema sanitario, migliorare le infrastrutture idrauliche e costruire scuole più sane. Questo è un obiettivo ambizioso: molti dei cittadini di Beira hanno perso queste strutture prima del ciclone. Simango dice che, fin qui, i donatori hanno impegnato il 25% del costo totale di 1 miliardo di euro.

Il ciclone Idai ci ha insegnato molte lezioni”, dice Carlos da Barca, di 47 anni, vice-amministratore di Dondo, un distretto al confine con Beira. “Abbiamo strumenti migliori per prevedere il meteo, modi migliori per informare i nostri cittadini. Ma questo è tutto quello che abbiamo: il potere di informare, non di rispondere”. Oggi, il Mozambico è ancora poco equipaggiato per evitare la catastrofe. Povertà, risorse scarse e mancanza di investimenti per combattere la crisi climatica continuano a minacciare milioni di vite. “Noi possiamo prevedere i cicloni con giorni in anticipo ma fornire allarmi tempestivi aiuta a salvare le vite solo se le persone hanno un altro posto dove trovare rifugio” dice il dottor Otto.

Le agenzie umanitarie discutono su come prepararsi ai disastri – sviluppare forti difese contro il peggio che sta per arrivare. Ci sono soluzioni di conservazione a bassa tecnologia: preservare i suoli, ripristinare le foreste, piantare mangrovie. Ma gli stati maggiormente inquinanti devono fare dei sacrifici per le nazioni maggiormente colpite. Il Fondo Monetario Internazionale ha detto agli stati più ricchi, che hanno avuto maggiori responsabilità finora, che devono fare di più per aiutare. “Il crescente aumento delle temperature ha effetti molto ineguali nel mondo, con un impatto più forte delle conseguenze avverse su coloro i quali possono permettersele di meno” fu detto nel 2017. E, ovviamente, nei nove mesi passati, la crisi climatica è fuoriuscita dall’agenda politica, è stata estromessa dal Covid.

Ho chiesto a Chiramswuana se ha mai avuto incubi sul ciclone Idai. “Io ho dei sogni” dice. Arrivano sempre quando è sveglia. “E’ come se vi fosse qualcosa che si sta riproducendo difronte ai tuoi occhi, come quando guardi la tv. Non mi piace. Ma sta lì, quello che è successo. “Non mi sento arrabbiata” dice. “Mi sento triste”. 

Traduzione di Marika Sottile e Filippo Parolin

Humans of CAM: la pubblicazione dedicata ai protagonisti del lavoro sul campo

Humans of CAM: la pubblicazione dedicata ai protagonisti del lavoro sul campo

E’ online la raccolta completa dei volti e delle storie di “Humans of CAM” la rubrica pubblicata sui social tra il 2019 e il 2020. Il progetto, a cura di Giacomo Toniolli e Francesca Bina, con la collaborazione di Francesca Bailoni e Lorenzo Dalbon ha raccolto decine di interviste ai collaboratori del CAM a Caia e a Beira. Le testimonianze raccontano le loro storie, le loro passioni, come sono arrivati al CAM, le sfide del loro lavoro.

Visualizza la raccolta di foto e storie “Humans of CAM”.

Intervista a Dario Guirreri: alla scoperta di Nampula con il CAM!

Intervista a Dario Guirreri: alla scoperta di Nampula con il CAM!

In questo articolo vi presentiamo la città di Nampula e le attività del CAM in questa sede, attraverso gli occhi di Dario Guirreri. Arrivato a Beira per la sua tesi di laurea nel 2017 (vedi l’articolo) sul tema del compostaggio, Dario è ora Responsabile Tecnico a Nampula del Progetto LimpaMOS MOÇambique: Programma per il Rafforzamento della Gestione dei Rifiuti Solidi Urbani nelle Città di Beira e Nampula” Un progetto finanziato da AICS e di cui il CAM è partner insieme a Progettomondo.mlalCTT-FEM – Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach, DICAM-UNITN – Dipart imento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica, Mlal Trentino Onlus, Dolomiti Energia Holding SpA e le controparti locali Municipio di Nampula e Municipio di Beira.

Abbiamo intervistato Dario per farci raccontare della sua esperienza e di come questa sia cambiata con l’emergenza del COVID-19.

Parlaci della città di Nampula. In cosa è diversa da Beira, la città mozambicana che gli amici del CAM conoscono meglio?

Nampula è la terza città più grande del Mozambico. Capitale della omonima Provincia, rappresenta  un principale nodo commerciale regionale. La centralità economica di Nampula si riflette nella dimensione della città, resa affollata e caotica dai camion, dai treni e dai viandanti che si muovono per le sue strade, mostrando un’affascinante compresenza di formalità e informalità. Come tutte le città urbanizzate, Nampula è una città dove bisogna imparare a starci per trovare la propria dimensione.

In cosa consiste il tuo lavoro?

In quanto Responsabile Tecnico del Progetto “LimpaMOS MOÇambique, mi occupo di articolare, gestire e supervisionare l’operato tecnico del progetto (coordinamento tecnico delle attività e dell’equipe locale, analisi e supporto alle soluzioni tecniche e tecnico-finanziarie, gestione relazioni con consulenti esterni, partner tecnici, interlocutori operativi e istituzionali, supporto ad aspetti amministrativo-contabili, redazione di rapporti narrativi e finanziari con particolare attenzione alla componente tecnica ed operativa, etc.). Tuttavia il mio ruolo non si esaurisce qui, ma coinvolge una componente relazionale molto forte. Una parte fondamentale del mio lavoro consiste nel tessere e rafforzare i rapporti istituzionali con le parti locali: amministrazioni pubbliche, imprese privati, attori del settore informale e la popolazione beneficiaria in generale.

Quali sono le sfide più ambiziose del progetto a Nampula?

Il progetto Limpamos mira all’affermazione del diritto dei cittadini e delle cittadine di Beira e Nampula a vivere in ambiente salubre e sano. Lo sviluppo di una entità tecnica di Gestione dei Rifiuti Solidi Urbani è solo uno dei risultati che si perseguono. Curare le relazioni attraverso una costante attività di intermediazione tra le parti è invece l’essenza per la solidità dell’intervento e la buona riuscita dello stesso, ma anche la sfida più grande e l’attività che richiede maggior impegno e perseveranza. Per questo motivo, il progetto adotta un approccio integrato attraverso il perseguimento dei seguenti obiettivi:

  • supporto all’apparato istituzionale nella definizione e implementazione di strumenti normativi ed amministrativi efficienti;
  • sviluppo di apparati e strumenti tecnico-operativi appropriati alla gestione sostenibile dei rifiuti urbani;
  • coinvolgimento del settore privato nella Gestione dei Rifiuti Solidi Urbani;
  • sensibilizzazione delle comunità, soprattutto donne e bambini attraverso e momenti di  attività di educazione ambientale nelle scuole. 

Un target importante di questo ultimo risultato è poi il settore informale, caratterizzato dai cosiddetti catadores informais nelle discariche a cielo aperto di Nampula. L’obiettivo è quello di individuarli, formarli e coinvolgerli cercando di costruire migliori condizioni lavorative rispetto a quelle attuali.

 Com’è vivere in Mozambico durante l’emergenza sanitaria globale?

Quando si è iniziato a parlare dell’emergenza del nuovo coronavirus a livello globale, il Mozambico non ha sviluppato piena consapevolezza delle possibili conseguenze. Come in tutto il resto dell’Africa, confrontarsi con le malattie, qui è la regola.

Con l’adozione di normative restrittive, il progetto RSU ha subito dei rallentamenti, abbiamo chiuso la sede a Nampula ed io sono stato trasferito a Beira. Lasciare Nampula, anche se per poco, mi è dispiaciuto molto perché sono oramai molto legato a questa realtà. Tuttavia, sono stato bene a Beira. Ho avuto la possibilità di interagire con altre figure di Progetto e ritornare in una città alla quale sono molto affezionato, in quanto il mio primo approccio con l’Africa.

Durante questi mesi il Mozambico non è mai andato il lockdown totale. Inizialmente le restrizioni sono state più severe. A partire da questa estate si è cercato di ritornare alla vita di prima, pur adottando le dovute precauzioni per tutelarsi e tutelare gli altri. Anche io, da luglio, sono ritornano a Nampula e a quanto, contestualmente parlando, avevo lasciato in sospeso. Le attività RSU sono state lentamente riavviate ed in questi mesi stiamo ottenendo i primi risultati positivi dopo la chiusura. Il rischio persiste, ma attraverso un comportamento rispettoso delle norme è possibile e doveroso gestirlo. Anche se non sempre è facile per i mozambicani mantenere la distanza. Il saluto ‘ravvicinato’ è un tratto culturale (a cui può esser difficile rinunciare) così come lo stile di vita (pensando ai mercati popolari); non per ultima anche la forma d’economia presente, di cui una grande parte è informale, quindi di strada, non permette di avere una approccio uguale a quello adoperato in contesti occidentali.

Insieme a Caia – volti che hanno fatto la storia del CAM

Insieme a Caia – volti che hanno fatto la storia del CAM

~ insieme a Caia 👣

Si è conclusa la rubrica ~ Humans of CAM, che da maggio 2019 ci ha portato sui social network Facebook e Instagram a conoscere tutti i principali protagonisti del lavoro in Mozambico: decine di persone che quotidianamente, a Caia e a Beira, si impegnano per i progetto di sviluppo sostenibile del CAM.

Abbiamo pensato di proseguire ora con una nuova rubrica, che racconta sempre persone ~ Humans of CAM, ma questa volta trentine e italiane. Sono le equipe di operatori e volontari che hanno “tracciato la strada”, qualcuno con una visita di pochi giorni, altri con una presenza di anni.

Un flash nella storia del CAM, in ordine sparso, per ricordarci di tante persone e ringraziarle per ciò che hanno fatto, di semplice o di straordinario.

Segui la rubrica settimanale sui nostri canali social!

 

Insieme a Caia - 2005

📷  Caia novembre 2005 – foto di Francesca Luchi

Paolo Rosatti, Corrado Gentilini, Andrea Patton, Bruno Fedrizzi, Josè Ibrahimo, Francesca Luchi, Francesco Torresani, Jenny Capuano, Francesco Battisti

 

Educare per cooperare: una amicizia tra Lecce, Caia e Trento

Educare per cooperare: una amicizia tra Lecce, Caia e Trento

Qualche volta la relazione tra Trentino e Caia si intreccia con altre storie di amicizia che legano il Nord e il Sud del mondo, il Nord e il Sud dell’Italia… come quella che lega  “l’Istituto Comprensivo  di Martano con Carpignano e Serrano” con la scuola primaria “Chirimba II” di Caia.

Abbiamo intervistato la maestra Maria Renna, anima di tutta l’iniziativa, per farci raccontare questa preziosa storia piena di emozioni e suggestioni importanti e che vede come protagonisti della cooperazione internazionale gli studenti di due scuole elementari poste in due continenti diversi, con una lingua ed una cultura differente, ma che, durante lo scambio si scoprono “gemelli”.

Com’è nata la conoscenza tra la vostra scuola e la scuola di Caia? In che contesto è scaturita la possibilità di tessere questa relazione?

Il nostro incontro, del tutto casuale, risale al 2007. Lavoravo in due piccoli plessi, Carpignano e Serrano, che facevano parte dell’Istituto “C. Antonaci” di Martano in provincia di Lecce. L’anno precedente con i miei alunni avevo messo in scena uno spettacolo teatrale ispirato a Don Tonino Bello che aveva fatto della sua vita come punto focale l’intercultura, una tematica che caratterizza spesso la nostra progettazione in un territorio di frontiera come il Salento, sito al centro del Mediterraneo, culla di culture che si sono succedute fin dall’antichità. Durante l’anno scolastico 2007/2008 proposi alla mia scuola un progetto dal titolo “Vivo il Mondo!”. L’obiettivo generale era quello che i nostri alunni acquisissero gli strumenti necessari per interpretare criticamente e consapevolmente la nostra realtà complessa, globalizzata e interculturale. L’ altro traguardo fondamentale a cui tenevo moltissimo era quello di rompere alcuni stereotipi e schemi pregiudiziali al fine di comprendere che, nonostante la differenza tra culture, la cui conoscenza reciproca rappresenta fondamentale motivo di arricchimento reciproco, vi sono sono sentimenti universalmente condivisi, quali l’allegria, il gioco, l’ironia, l’amicizia, il divertimento che accomuna il Bambino di ogni latitudine!

Disegno facente parte della raccolta del percorso didattico

Fu in questo contesto che la mamma di una mia alunna mi fece conoscere un progetto di gemellaggio intercontinentale tra scuole intitolato “Nafamba Xikolwene” che in dialetto Mozambicano significa “Vado a scuola!” Il gemellaggio scolastico incentivava l’assunzione di comportamenti critici e di responsabilità pratiche, era uno strumento innovativo e creativo che permetteva l’avvicinarsi, in maniera reale, a mondi e a culture diverse dalle proprie, facendo comprendere appieno l’importanza e il significato della solidarietà e contribuendo a formare la visione di un mondo meno conflittuale. In sostanza alle scuole italiane, che si rendevano disponibili, veniva abbinata una scuola Mozambicana con cui tessere rapporti di conoscenza, amicizia e scambi culturali. Non era prevista una raccolta fondi ma, ovviamente, ci si rendeva conto della necessità, per cui avveniva in maniera spontanea. I rapporti venivano facilitati da un’ “antenna italiana”, un cooperante che faceva da tramite tra le due scuole. Nel nostro caso, fu Samanta Musarò che ci aiutò molto.

Come si è sviluppato concretamente il gemellaggio tra  “I’Istituto Comprensivo  di Martano con Carpignano e Serrano” e la scuola mozambicana, “Chirimba II”?

All’epoca non esisteva Whatsapp tanto meno internet permetteva grandi contatti diretti e allora, come fare? Mi venne un’idea, quella di far conoscere i bambini delle nostre scuole non attraverso delle lettere bensì attraverso dei video. Feci scrivere ai miei alunni le domande che avrebbero voluto porre ai loro gemelli mozambicani. Tra tutte ne sintetizzai circa 25 che inviai a Samanta, la quale le fece arrivare ai bambini di Chirimba II tramite la delegazione italiana presente in loco. Le domande andavano dal come trascorressero la giornata, a come fosse la loro scuola, quali fossero i loro desideri per il futuro o cosa significassero parole come amicizia o pace. Chiesi di far pervenire le risposte tramite video. Dopo qualche mese mi fu recapitata a casa , dal Mozambico, una cassetta. Non ci potevo credere! Fu un’emozione immensa! Ovviamente non vi erano tutte le risposte, ma quelle immagini erano meravigliose! Aprivano, anzi spalancavano una finestra sulla vita dei nostri gemelli mostrando i loro visi, i loro luoghi, i loro pensieri!

Non dimenticherò mai le espressioni dei miei alunni quando le visionarono, rossi in volto e occhi luminosissimi! Ma non poteva finire così.

Pozzo realizzato con la raccolta fondi

Era necessario far vedere quelle immagini a più gente possibile e, contemporaneamente, dare un feedback ai nostri gemelli! Nacque, così, l’idea di un cortometraggio in cui fossero presenti i bambini delle due scuole gemelle. Scrissi una sceneggiatura e chiesi la collaborazione al cantautore Caparezza, che avevo conosciuto grazie ad un precedente progetto scolastico. Accettò di buon grado di recitare nel film la parte di un fantomatico personaggio che poneva, dalla Luna, via satellite, ai bambini mozambicani e italiani, le stesse domande a cui essi davano identiche risposte. Nacque così il cortometraggio “Gemelli! Vengo dalla luna” che fu proiettato al Cinema “Elio “ di Calimera (LE) in una serata indimenticabile in cui i miei alunni, grazie al montaggio delle immagini,  si poterono relazionare virtualmente, sul grande schermo, con  ai loro gemelli mozambicani! Grazie all’impegno straordinario di Valeria Cardia, un collaboratrice del progetto che viveva ancora in Mozambico , il film  fu visto anche dai bambini  dei Chirimba II dopo un viaggio incredibile . Il  corto “Gemelli”  vinse molti premi  ,anche in denaro,  che inviammo ai nostri amici di Chirimba II  con cui  ripararono il pozzo d’acqua che utilizzava la scuola ma anche la gente   del  villaggio vicino oltre che a contribuire, con le altre scuole gemelle , ad altri servizi quali  l’acquisto di libri per la biblioteca itinerante, la fornitura di attrezzature e materiali scolastici, la programmazione di attività educativo-didattiche e di seminari di formazione pedagogica a beneficio di alunni e professori. Un ‘altra iniziativa molto suggestiva fu il Mercatino del Cibo di Vivo il Mondo! Ci facemmo inviare delle ricette tipiche Mozambicane che furono preparate dalle mamme dei miei alunni . Le pietanze furono messe in vendita e anche queste quote raccolte furono inviate ai nostri gemelli.

Come siete giunti al CAM? E come si sviluppa quest’amicizia?

Quando , nel 2009, il progetto “Nafamba Xikolwene” terminò, per cui non vi era più presente in loco la delegazione italiana, fu ovviamente molto più difficile mantenere contatti ma forte era la volontà di essere ancora vicini ai nostri gemelli, cosa che anche l’ambasciatore italiano in Mozambico chiese di fare alle scuole italiane coinvolte. All’inizio i contatti, il dialogo, la solidarietà e le donazioni sono continuati grazie all’aiuto di Samanta e di Valeria (che ringrazio ancora!) poi è stato possibile stabilire un contatto diretto con il direttore Cerveja della scuola di Chirimba II. Decisi di avviare un’iniziativa al di fuori della scuola in collaborazione con l’associazione 2HE Association – Center for Human Health and Environment e il progetto IO POSSO e il grande sostenitore fu Michele Salvemini, in arte Caparezza, il quale donò alla causa oggetti scenografici dei suoi tour e dei suoi videoclip autografati e si mise a disposizione come banditore d’asta in un video diffuso in rete. Con l’asta on line riuscimmo a raccogliere circa 2.000 euro ma purtroppo non riuscivo a mettermi più in contatto con il direttore Cerveja per il versamento dei fondi Ero dall’altra parte del mondo e non sapevo davvero come fare, così decisi di cercare su internet un’associazione italiana che operasse in Mozambico.

Fu così che venni a conoscenza del “CAM – Trentino con il Mozambico” e dei suoi meravigliosi progetti oltre che della disponibilità, della competenza e della passione di persone come il Direttore Isacco Rama, di Maddalena Parolin e di tutti i ragazzi del servizio civile con cui mi sono relazionata in questi anni! L’associazione, fin da subito, si è offerta di aiutarmi a contattare la Scuola di Chirimba II pur non facente parte della circoscrizione in cui opera! Inviò presso la scuola Chirimba II, Julai Jone, il responsabile dei progetti a Caia! E così seppi che, purtroppo, il direttore Cerveja  era deceduto. Fu davvero un colpo al cuore ma anche per lui , bisognava continuare!

Grazie al CAM ho potuto riprendere i contatti con la Scuola Chirimba II e con il nuovo direttore Joao Janete Sandramo! I fondi dell’asta on line sono stati divisi in tre tranches utilizzate per la costruzione di aule scolastiche. Anche in questo caso le difficoltà non sono mancate perché nel 2019 a causa delle forti piogge le aule in costruzione sono state danneggiate per cui abbiamo attivato, questa volta all’interno della mia scuola che ora si chiama “Istituto Comprensivo di Martano con Carpignano e Serrano” una raccolta fondi grazie alla vendita dei dvd del film “Ghineka grika/Donna Grika”, risultato del progetto di griko, la lingua minoritaria parlata nella “Grecìa Salentina “ di cui fanno parte i nostri paesi. Ed anche in questo caso il CAM ci è vicino e ci sta aiutando per portare a termine il nostro progetto.

Qual’è il comune denominatore tra educazione e cooperazione?

backstage cortometraggio

Il comune denominatore, il nocciolo, il nucleo dell’umanità, l’ho trovato negli occhi dei miei alunni e per miei intendo sia i bimbi italiani sia i bimbi mozambicani: è il GIOCO! Giuro non è retorica: ne ho la prova asettica e scientifica! Mettete, ad esempio, un pallone davanti ad un bambino e lui, a qualsiasi latitudine, comincerà a giocare. Il bambino lappone lo calcerà e quel pallone attraverserà nazioni e continenti per giungere in Asia dove un altro suo gemello, con un colpo di testa, lo farà giungere in America e poi Italia, Australia, Africa fino a catapultarsi precipitevolissimevolmente sul castello di carte che gli adulti hanno costruito e che cadrà rovinosamente. Il vento porterà via il fante del potere, la regina del successo, il re della ricchezza. Rimarrà per terra una carta jolly e su di essa un pallone con cui correre, giocare, gioire. E’ quel rincorrersi senza conoscersi e cominciare a giocare. E’ tutto qui il senso dell’ umanità.

 

Termino questo questo mio racconto ringraziando le Dirigenti Scolastiche, Maria Adele Campi, Enrica Saracino e Maria Gabriella De Lorenzo che si sono succedute in questi anni nella mia scuola , i miei colleghi, i genitori e i bambini che hanno sempre appoggiato le iniziative interculturali proposte. Ringrazio tutti coloro che si sono adoperati perché il nostro gemellaggio potesse, contro ogni previsione, perpetuarsi nel tempo!

E ringrazio l’associazione CAM, dal profondo del cuore, oltre che per tutto il resto, per avermi dato la possibilità di mettere su carta quest’avventura che da 13 anni ha cambiato la mia vita che non può certamente essere circoscritta solo in queste pagine.

E noi ringraziamo te, Maria Renna, per la profonda dedizione che ci hai dimostrato in quest’intervista e per il tuo notevole contributo al CAM e alla cooperazione internazionale. 

Rientro, libertà e salute

Rientro, libertà e salute

La testimonianza di Francesca Bina, rientrata dopo un anno di Servizio Civile a Caia.
Un momento di riflessione finale sulla sua esperienza, sulle sue sensazioni e sui suoi pensieri durante l’anno di servizio.

 

Dal mio rientro dal Mozambico mai mi sarei immaginata di ritrovarmi bloccata a casa non per mia volontà. Nelle ultime settimane mozambicane stavo cominciando a riassaporare il ritrovarmi con parenti e amici, ritrovare alcuni luoghi cari di Bologna, poter prendere la bicicletta e girare in lungo e in largo per la città, camminare sui colli all’aria aperta, ecc… tante piccole cose che in quest’anno a Caia mi erano indubbiamente mancate.

Mai mi sarei aspettata di ritrovarmi limitata nella mia libertà per un nuovo virus che ha bloccato tutto.

Ovviamente non mi sono mai sentita “non libera” in Mozambico, ma sicuramente ho dovuto rivedere alcuni miei comportamenti che qui in Italia avrei ritenuto ovvi e scontati, ma che a Caia, forse, non lo erano fino in fondo. Ho così avuto la possibilità in questo anno di confrontarmi e scontrarmi in prima battuta con il dialogo interculturale e, soprattutto, di sentirmi io diversa, di sentirmi finalmente decontestualizzata in pieno.

Non semplice, perché la sensazione che ogni tanto ho provato è quella di un piccolo soffocamento, una piccola limitazione alla mia libertà personale, alla mia libertà espressiva.

Noi occidentali difficilmente ci soffermiamo a riflettere sull’importanza e il peso che la libertà individuale esercita nell’arco di una giornata: per questo motivo, al mio rientro, con il decreto “restate a casa” per limitare la diffusione e il contagio del coronavirus emanato dal governo, ho avuto per un attimo la sensazione di ritrovarmi a Caia, in una situazione non troppo distante da quella appena lasciata. Molti pochi svaghi, molti pochi luoghi di incontro, pochissime relazioni interpersonali.

È stato così un rientro, sotto certi aspetti, graduale che mi ha permesso ancora di più di pesare e di assaporare il senso della libertà e rielaborare una moltitudine di emozioni provate nell’arco di quest’anno.

Cosa succede quando ci viene tolta la libertà? Cosa succede quando si scopre che molti vengono privati di questo diritto fondamentale? Siamo consapevoli che ci sono persone che non possono scegliere la vita che vorrebbero? Siamo coscienti di cosa significhi per noi? Riusciamo a dare un peso e un valore a questo diritto?

 

Spero che con questa situazione la società occidentale possa risvegliarsi dal suo torpore e possa osservare il baratro verso il quale ci stavamo autospingendo irreversibilmente, dando per scontato il senso di libertà.

È libertà pensare di vivere in una società illimitata, sempre volta alla crescita a scapito di altre persone, altri contesti, altre risorse?

Prima piccola conclusione: penso che oggi la grande libertà di ciascun individuo sia quella di poter scegliere di farcela con le proprie risorse, con quello che la propria terra offre, senza sfruttare o espropriare tutta una parte di mondo che rimane oppressa da questo meccanismo di neocolonialismo che noi occidentali ci ostiniamo a perpetuare.

A Caia ho imparato e visto proprio questo: le persone sono talmente attaccate al luogo in cui nascono e crescono che neanche le piogge annuali riescono a far cambiare loro idea su dove vivere. Nemmeno le alluvioni stagionali riescono a motivare le persone a cambiare casa perché è quella in cui hanno sempre vissuto. Per noi incomprensibile, ma è così. Ognuno ha il proprio campo dal quale raccoglie il necessario per poter dar da mangiare alla propria famiglie. Ed è sufficiente.

Punto secondo: sempre a Caia ho toccato da vicino la condizione della malattia e del malato: la malattia è uno stigma dal quale la persona non può liberarsi, anzi è condannata a questa sua condizione e per questo spesso emarginata.

La cura è un lusso e non sempre possibile, dipende molto dalla patologia che il paziente manifesta. In luoghi come Caia che sono –penso- il 90% del Mozambico il servizio sanitario è molto carente; il paziente è fortunato se manifesta sintomi noti come malaria, TBC o HIV, perché individuabili e trattabili con pastiglie da prendere quotidianamente, altrimenti, anche solo per un braccio rotto, non si può fare nulla perché la macchina dei raggi X è rotta e bisogna spostarsi ad Harare ad un’ora e mezza da Caia o, peggio, a Beira a dieci ore di treno se è puntuale. Ho visto persone morire per delle infezioni urinarie (banalmente delle cistiti non trattate) o per infezioni divenute ascessi e che hanno poi portato a complicazioni che qui non sarebbero neanche classificabili come tali.

Attualmente il coronavirus ha completamente paralizzato la nostra società che si è ritrovata spiazzata di fronte ad un contagio su larga scala: l’occidente ha sperimentato la paura di un’epidemia a casa sua e per questo tutta la comunità scientifica si sta mobilitando per curare e trovare delle soluzioni per rendere più innocuo il virus.

Purtroppo troppo spesso mi accorgo di quanto la storia non insegni proprio un bel niente: sempre le società si sono svegliate dopo “il grande danno” di una guerra, di una catastrofe naturale, di una legge sbagliata, ecc…non sono mai riuscite a prevenire, adottando comportamenti più responsabili e più solidali.

Perché siamo terrorizzati da questa influenza e non siamo minimamente toccati dal fato che annualmente milioni di persone perdono la vita per la malaria? Semplice, perché non ci riguarda. Non è a casa nostra. Ma le malattie hanno confini? Possono essere recluse solo ad un angolo di mondo?

 

Provo con un altro esempio, allora: perché siamo bloccati a casa da questo virus, ma non ci barrichiamo a casa perché respiriamo polveri sottili in quantità preoccupanti ogni giorno? Questo ci riguarda molto da vicino, ma perché non ha lo stesso peso che si sta portando dietro questo virus?

In Mozambico essere malati significa spesso essere abbandonati dalle proprie famiglie, significa ritrovarsi soli senza possibilità di cura, significa sentirsi ormai più morti che vivi.

Quello che vedo adesso è che, al contrario, il peso che noi occidentali diamo alla saluta e alla vita è enorme, ma non riusciamo ad essere coerenti. Ci prendiamo cura solo di noi stessi dimenticandoci della terra e di tutte le altre persone che la popolano.

Per me è stato molto importante a Caia conoscere persone che hanno già questa visione d’insieme, che riescono a mettere insieme i pezzi raccogliendo i malati e cercando loro di dare speranza, ma spiegando che la cura di sé non può prescindere dalla cura della comunità e del territorio.

In questo penso che ci sia solo da imparare e umilmente ritirarsi un pochino, smettere di sentirsi illimitati; perché questa assenza di limiti è solo una distorsione dell’idea di libertà che ci stiamo costruendo.

Francesca Bina, Bologna marzo 2020