Servizio Civile_ Garanzia Giovani 2020: aperte le candidature!

Servizio Civile_ Garanzia Giovani 2020: aperte le candidature!

Dal Trentino all’Africa: imparando facendo rete“-  è il nuovo progetto di Servizio Civile nato in collaborazione tra il CAM e il CUAMM Trentino. 

Se hai tra i 18 e i 28 anni e non stai né studiando né lavorando, ma vuoi fare un’esperienza professionale, questo progetto potrebbe essere l’occasione giusta per te! Clicca qui per saperne di più. Hai tempo fino al 12 ottobre per inviarci la tua candidatura.

Il progetto avrà inizio l’1 novembre e durerà 12 mesi. Durante il corso del progetto avrai l’opportunità di essere formato sui temi della cooperazione e del volontariato, sviluppare competenze variegate (amministrazione, comunicazione, progettazione e fundraising), entrare a far parte di una rete di associazioni più ampia e prepararti ad entrare nel mondo del lavoro!

L’impegno medio richiesto è di 30 ore settimali, con un contribuito di €600 mensili.

ATTENZIONE! Il progetto è finanziato dal bando Garanzia Giovani, motivo per cui è necessario dichiarare di NON essere iscritto a nessun corso scolastico o universitario e di NON lavorare per tutta la durata del servizio.

Prima di candidarti al progetto, è obbligatorio compiere due passaggi:

Dopo aver ultimato questi passi, inviaci la tua candidatura e il tuo curriculum all’indirizzo di posta elettronica cam@trentinomozambico.org e ti convocheremo presto per un colloquio via skype.

NOTA! Visti i tempi ristretti, vi invitiamo a contattarci informalmente durante il percorso di adesione a SCUP e Garanzia Giovani, prima di inviare la candidatura ufficiale!

 

 

 

Grazie agli amici della sCAMpagnata solidale!

Grazie agli amici della sCAMpagnata solidale!

Un GRAZIE di cuore a tutti gli amici che sabato 19 settembre hanno partecipato alla sCAMpagnata solidale!

Lo staff del CAM è stato felice di rivedervi, conoscere nuovi amici e raccontare le ultime novità del Mozambico. Organizzare un evento in un momento così complesso come quello che stiamo vivendo non è facile. Ma voi avete partecipato in gran numero e questo per noi è stato prezioso.

Le vostre donazioni saranno impiegate a supporto delle attività portate avanti quest’anno a Caia dagli educatori e dai volontari di Mbaticoyane per la prevenzione del Covid-19. Vi ringraziamo anche per questo gesto che ci ha espresso tutta la vostra vicinanza.

Vi lasciamo di seguito le foto ricordo di questa giornata. A presto!

 

 

 

 

 

Partecipa alla sCAMpagnata solidale!

Partecipa alla sCAMpagnata solidale!

Una camminata dal Passo Redebus a Malga Cambroncoi, dove si mangerà insieme. Un modo per ritrovarsi tra amici e simpatizzanti del CAM dopo tanti mesi di distanza.

CHI – L’invito è per tutti gli amici e simpatizzanti del CAM, passati attuali o… futuri! Sono benvenuti amici, familiari, cani…

QUANDOsabato 19 settembre, in caso di brutto tempo l’escursione verrà spostata alla settimana successiva, sabato 26 settembre.

DOVE – Ritrovo al parcheggio di Passo Redebus alle ore 10.30 per chi vuole partire col gruppo, in ogni caso si camminerà in piccoli gruppi, quindi chi vuole può partire prima o dopo per ritrovarsi poi tutti a Malga Cambroncoi.
Il Passo Redebus (m 1453) è raggiungibile dalla valle dei Mocheni – valle che s’imbocca a Pergine Valsugana – deviando sulla sinistra poco prima del paese di Palù/Palai. Oppure risalendo l’altopiano di Pinè fino a Centrale, quindi a destra si sale al Passo Redebus transitando per la località Regnana.
Il percorso a piedi per raggiungere la malga (nb. su strada forestale poiché il sentiero è inagibile) è percorribile in un’oretta, il dislivello è circa 240 mt. Per chi lo desidera, prima o dopo il pranzo, si può raggiungere Cima Costalta con una camminata di un’altra oretta.
Se qualcuno avesse difficoltà nella camminata e  volesse partecipare al pranzo arrivando in macchina è possibile fare richiesta per un permesso di accesso alla strada forestale.

MENU – il menu indicativamente sarà composto da un piatto completo con gnocchi di ricotta, polenta, salsicce, formaggio fuso, funghi e crauti. E’ possibile comunque fare variazioni in base alle esigenze, oppure ordinare dal menu della Malga.
Per chi lo desidera, se il tempo lo consente, si potrà mangiare sui tavoli all’aperto.

RACCOLTA FONDI – il ricavato delle offerte raccolte sarà impiegato per le attività di sensibilizzazione che l’associazione Mbaticoyane realizza sul Covid-19 nelle comunità rurali di Caia. L’offerta minima consigliata, incluso il costo del pranzo, è 20 € (per i bambini concordare in base a ciò che ordinano per pranzo), che verrà raccolta all’arrivo alla Malga.

PRENOTAZIONI – entro il 10 settembre alla mail cam@trentinomozambico.org o maddalena.parolin@trentinomozambico.org

PS – alla malga si possono comprare i formaggi di produzione propria!!!

(foto tratta da www.iltrentinodeibambini.it)

La marcia “Restiamo Umani” in supporto alla popolazione colpita da Idai

La marcia “Restiamo Umani” in supporto alla popolazione colpita da Idai

Sabato 8 febbraio dalle 20.30 al Teatro SanbàPolis a Trento si terrà la serata “MARCIA RESTIAMO UMANI – IL RACCONTO“, un evento per raccontare la Marcia “Restiamo Umani” dell’estate scorsa. La marcia, partita da Trento il 20 giugno 2019 si è conclusa Piazza San Pietro domenica 20 ottobre 2019, con consegna di una lettera (il Manifesto della Marcia Restiamo Umani) a Papa Francesco all’Udienza generale di mercoledì 23 ottobre 2019.

L’evento, promosso e organizzato dall’associazione “Ali Aperte” e “Peace Walking Man foundation“, in collaborazione con l’Opera Universitaria, vedrà come ospite d’onore Egidia Beretta madre di Vittorio Arrigoni, attivista per i diritti umani assassinato nel 2011 in Palestina il cui motto “Restiamo Umani” ha ispirato il nome di questa marcia. La signora Beretta sarà intervistata da Annalia Dongilli, giornalista del Corriere del Trentino.

Vi saranno momenti musicali con il cantautore Milo Brugnara, che aveva animato il concerto alla partenza della marcia, e l’arpista Lorena Coser.

I fondi raccolti attraverso la marcia saranno consegnati al CAM per un progetto di ricostruzione a sostegno delle popolazioni colpite dal ciclone Idai a marzo 2019,  con la partnership della Municipalità di Beira.

Microcredito – Incontro con i Giovani Soci della Cassa Rurale di Trento

Microcredito – Incontro con i Giovani Soci della Cassa Rurale di Trento

Il CAM assieme all’associazione Giovani Soci della Cassa Rurale di Trento organizza una serata dedicata al progetto di microcredito  mercoledì 05 febbraio presso la sede dei Giovani Soci in Via Don Sordo 3, Trento.

Per l’occasione, Andrea Patton, responsabile dell’Area Sviluppo Economico per il CAM, porterà la sua testimonianza della lunga esperienza vissuta in Mozambico, dello sviluppo dei diversi progetti di microcredito CAM nel corso degli anni e dei piani futuri.

Storie di agricoltura familiare… e un gioco!

Storie di agricoltura familiare… e un gioco!

Tre storie di agricoltori in Trentino, in Vietnam e in Mozambico che praticano l’agricoltura familiare: un modello di produzione alimentare sano e sostenibile per l’ambiente, il territorio e le persone che lo vivono.

Tre storie di agricoltori in Trentino, in Vietnam e in Mozambico che praticano l’agricoltura familiare: un modello di produzione alimentare sano e sostenibile per l’ambiente, il territorio e le persone che lo vivono.

Sul sito http://www.agricolturafamiliare.gtvonline.org/ puoi leggere le storie di Lucia, Dieu e Laura, raccolte nei 3 territori del progetto e splendidamente illustrate da Anna Formilan, conoscere che cos’è l’agricoltura familiare e fare un simpatico quiz per verificare se siete sulla buona strada, se siete consumatori eco-consapevoli e se contribuite al raggiungimento dell’obiettivo di sviluppo sostenibile n.2 Sconfiggere la fame.

Cos’è l’Agricoltura Familiare?

L’agricoltura familiare contribuisce allo sviluppo sostenibile ed è la forma di agricoltura dominante nel settore della produzione alimentare in tutto il mondo. Definita dalla FAO come “un sistema gestito e realizzato da una famiglia per organizzare la produzione nei settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca, della pastorizia e dell’acquacoltura” racchiude in sé l’80% della produzione di cibo mondiale.

Molte famiglie di agricoltori, nei Paesi in via di sviluppo, sono povere e senza sicurezza alimentare; hanno ristretto accesso a mercato e servizi e le loro scelte e possibilità sono limitate. Nonostante ciò, coltivano e producono cibo per una parte sostanziale dell’intera popolazione mondiale. Per questo l’Agricoltura familiare può essere definita centrale per il raggiungimento dell’obiettivo 2 di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030, Sconfiggere la fame. Il tema dell’agricoltura Familiare è infatti indissolubilmente legato alla Sicurezza Alimentare e alla Sostenibilità delle nostre scelte come consumatori, e noi come consumatori possiamo fare la differenza! Se supportiamo gli agricoltori familiari, facciamo la nostra parte per l’Agenda di Sviluppo Sostenibile.

Oggi è sempre maggiore il bisogno di agricoltura sostenibile, per poter allo stesso tempo produrre più cibo, creare lavoro e preservare le risorse naturali. Ed i piccoli agricoltori familiari, custodi di una conoscenza sapientemente adattata alle ecologie locali e alle capacità produttive della terra, sono il cuore della soluzione di questa sfida.

L’agricoltura familiare preserva infatti i prodotti alimentari tradizionali, contribuisce a un’alimentazione equilibrata e difende, a livello mondiale, l’agrobiodiversità e l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali.

Il progetto è promosso da Gruppo Trentino Volontariato (GTV), in collaborazione con il CAM, l’Associazione Culturale “L’Ortazzo” e Slow Food Trentino.